Honda sospende la produzione fino al 20 marzo, Suzuki fino al 16. Nessun danno per Yamaha e Kawasaki

Honda Kumamoto

A seguito della catastrofe che ha colpito il Giappone (Terremoto e Tsunami), Honda esprime le sue più sentite condoglianze per le vittime Terremoto/Tsunami. In considerazione di quello che sta accadendo la Casa Alata annuncia la sospensioni delle attività produttive negli impianti di Sayama, Ogawa, Tochigi, Hamamatsu e Suzuka.

Da domani 15 e fino al 20 marzo, saranno sospese le attività produttive in tutti gli impianti di Kumamoto (Ozu-machi, Kikuchi-gun, Kumamoto). Fino al 20 è sono inoltre sospese qualsiasi attività anche nell'area di Tochigi, particolarmente colpita e dove trovano lo stabilimento di Tochigi, il reparto Honda R&D, l'Ltd. R&D Center e l'Honda Engineering Co.

Con la speranza di contribuire alle operazioni di soccorso e recupero delle aree colpite, Honda fornirà i seguenti aiuti: donerà 300.000.000 ¥ per le operazioni di soccorso e recupero, 1000 genratori e 5000 bombole di gas ed invierà il proprio personale per spiegare come usare i generatori donati. Honda collaborerà per conservare l'energia elettrica nella zona, necessaria per soccorrere le aree maggiormente colpite.

Suzuki Motor Corporation esprime sentite condoglianze alle persone colpite dal terremoto in Giappone. Suzuki ha chiuso oggi tutti gli impianti Suzuki Motor Corporation perché ha posto la priorità sulla sicurezza di tutte le filiali, affiliate e fornitori, nonché i loro familiari. Suzuki sospende la produzione di questi impianti il ​​15 e 16 marzo. Il 17 valuteranno se proseguire con lo stop o riprendere le attività.

Yamaha Motor Co., Ltd. desidera esprimere il suo sincero cordoglio per le vittime del devastante terremoto e tsunami che hanno colpito la costa nord-orientale del Giappone, ed estende la più profonda solidarietà alle vittime e alle loro famiglie. Yamaha Motor fa inoltre sapere di non aver subito danni particolari ai proprio impianti e che di avere un solo ferito tra il personale dedicato alle vendite. Anche Yamaha Motor coopererà nel razionamento dell'energia elettrica previsto nella rete nazionale e sensibilizzando i propri dipendenti sul risparmio energetico.

Kawasaki (per quel poco siamo riusciti a tradurre con Google Translate) esprime le sentire condolianze alle vittime e alle famiglie delle vittime della catastrofe e donerà 100 milioni di yen per i soccorsi e 3 aeromobili per un valore di altri 100 milioni di ¥.

foto | Motorcyclistonline

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: