Moto3: prime immagini della Husqvarna

Sono apparse su internet le prime immagini delle moto con cui Danny Kent e Niklas Ajo daranno la caccia al titolo Moto3. Differenze dalla KTM? Minime..

Moto3 2014 - Husqvarna Factory Racing

Il nuovo team Husqvarna Factory Racing è ormai pronto per iniziare l'avventura nel Campionato Mondiale Moto3 2014, che vedrà quindi il debutto del glorioso marchio di origini svedesi nel Motomondiale. La nuova scuderia sarà gestita dal team manager finlandese Aki Ajo - già boss del team ufficiale KTM lo scorso anno - che avrà alle proprie dipendenze il quotato 20enne inglese Danny Kent (2 vittorie e una pole per lui nel 2012 prima della scialba annata in Moto2 con Tech3) ed il figlio 19enne Niklas Ajo (l'anno scorso 14° nel mondiale Moto3 ma mai sul podio).

Contrariamente ai primi reports, i due piloti non correranno entrambi sotto le insegne del team Red Bull Husqvarna Factory Racing: questo 'onore' toccherà al solo Kent, che avrà quindi i colori del main sponsor sulle carene, mentre la moto di Ajo - pur gestita dalla medesima struttura - sarà schierata in griglia con una denominazione diversa e con sponsor diversi sulle carene, come confermato dalle ricostruzioni grafiche pubblicate dal tedesco Speedweek.com. A conferma della veridicità di queste immagini, è spuntata su internet anche la prima immagine 'reale' della moto di Kent, che rispecchia fedelmente lo schema grafico anticipato dal sito tedesco.

In pratica, Kent è considerato alla stregua di un pilota ufficiale KTM - che lo ha messo direttamente sotto contratto a fine 2013 - mentre Ajo è un pilota 'supportato' dalla fabbrica. A parte le disrepanze di carattere estetico, le differenze con le KTM saranno nello scarico (che non dovrebbe essere Akrapovic) e poco altro. Il primo appuntamento in pista per le Husqvarna Moto3 è fissato per il test di Almeria del 5-8 Febbraio, dove saranno presenti anche i 'cugini' di KTM.

L'arrivo di Husqvarna in Moto3 (quarto marchio presente in forma ufficiale oltre a Honda, KTM e Mahindra) fa parte di un ampio piano di rilancio del marchio approntato da KTM - che circa un anno fa ha rilevato il brand di origini svedesi da BMW Motorrad - ma, come detto, la moto in sé non differisce granché dal prototipo della casa austriaca che ha dominato le ultime stagioni della categoria. Il che è del tutto comprensibile visto che l'operazione è tutto sommato recentissima (e che le attività produttive sono state spostate da Biandronno a Mattinghofen solo alla fine della scorsa estate).

  • shares
  • Mail