BMW R80 Down & Out Cafe Racers

le vecchie BMW boxer stanno diventando basi molto ambite per costruire special, dalle cafe racer alle scrambler passando per le vintage racer. Questo esempio ben realizzato arriva dall’Inghilterra, patria indiscussa di questo genere di special, per la precisione dalla piccola officina Down & Out Cafe Racers, dove Shaun e Carl si sono dedicati a una R80 del 1983.

Una BMW R80 del 1983 trasformata in urban scrambler dall’officina inglese Down and Out Cafe Racers

Nella loro sede si occupano di modificare moto di ogni marchio, e tra le loro ultime opere figurano cafe racer su basi semplici come Honda CB450 e Yamaha TR1, ma ci sono anche un paio di pezzi più pregiati come una Triumph T100 “Triton” con un telaio replica del noto Featherbed di casa Norton, ovviamente rifatto in casa, e anche uno Sportster Harley trasformato in cafe racer con carrozzeria cromata.

A questa R80 ribattezza Gold Top sono stati cuciti addosso molti pezzi realizzati ad hoc, a partire dal telaietto posteriore scomponibile. Passando alla carrozzeria arrivano i parafanghi in alluminio leggermente spazzolato, una scatola, anch’essa in alluminio , per la piccola batteria al gel, posta appena dietro il motore, una sella in pelle con cuciture tuck’n'roll e gli attacchi per il faro anteriore Bates.

Il serbatoio viene invece riverniciato con una tenue tinta bicolore, mentre compaiono i primi accessori, come le pedane di foggia off road, il manubrio Renthal, sovrastato dal piccolo strumento e completato con comandi miniaturizzati e nuove leve freno e frizione più ergonomiche.

Gli ultimi ritocchi riguardano il motore, con l’adozione di un doppio scarico in alluminio con terminali Megaphone, mentre per alimentare di aria fresca i carburatori Bing si preferisce continuare a usare l’airbox, modificato, piuttosto che utilizzare carburatori differenti con filtri singoli a cono. Mancano solo un paio di pneumatici tassellati per darle quell’aria da urban scrambler vissuta.

Foto Simon Krajnyak

  • shares
  • Mail