MotoGP: PBM Racing ingaggia Broc Parkes per il 2014

La squadra britannica ufficializza il nuovo compagno di Michael Laverty e conferma l'impegno con Aprilia.

Il team Paul Bird Motorsport (PBM) ha ufficializzato oggi i suoi piani per l'impegno in MotoGP nel 2014, annunciando l'ingaggio dell'australiano Broc Parkes quale nuove compagno di squadra per il confermato irlandese Michael Laverty. Per Parkes si tratta di un ritorno nel team PBM, con il quale aveva corso nel Mondiale Superbike del 2009, mentre per il fratello di maggiore di Eugene il 2014 sarà la sua seconda stagione nella classe regina del Motomondiale dopo il debutto con la squadra britannica.

Il comunicato ufficiale del team ha inoltre precisato che i due gareggeranno su moto PBM-Aprilia, il che ci farebbe supporre che entrambi guideranno una moto con telaio sviluppato internamente e motore derivato da quello della RSV-4 (come ha fatto lo stesso Laverty nel 2013, mentre il suo compagno di squadra Yonny Hernandez correva su una ART).

L'annuncio pone anche fine alla serie di rumors circolati attorno al team di Paul Bird che mettevano in serio dubbio la sua partecipazione al prossimo Mondiale MotoGP. Lo stesso Michael Laverty ha dovuto attendere diverse settimane per conoscere il suo futuro, al punto che a inizio settimana aveva testato una ZX-10R in Spagna insieme ai due piloti del team Bird in BSB - Shane 'Shakey' Byrne e Stuart Easton - con la prospettiva di formare una squadra di tre piloti nella prossima edizione del campionato nazionale britannico, nel caso si fosse avverata l'ipotesi del ritiro dalla MotoGP.

Nel suo anno da rookie in MotoGP, il 32enne Michael Laverty ha chiuso il 2014 al 25° posto in classifica piloti (terz'ultimo con 3 punti) e con un 13° posto nel 3° round di Jerez quale miglior risultato stagionale. Il suo obiettivo per il prossimo anno non può che essere quello di migliorare questi risultati:

"Abbiamo imparato tanto l'anno scorso, ed io sono felice che Paul abbia deciso di continuare in MotoGP e darmi la possibilità di continuare con il progetto. Mi dicono tutti che il secondo anno è molto più semplice, quindi l'obiettivo è quello di raccogliere i frutti di ciò che abbiamo imparato e aumentare il nostro livello di conseguenza. Sarà tutto molto più difficile con le nuove moto 'production' [della nuova categoria Open], ma il nostro obiettivo è quello di andare a punti con continuità."

Broc Parkes, classe '81 come il nuovo compagno di colori, ha invece commentato così l'ufficializzazione del suo debutto in MotoGP dopo una carriera spesa tra Mondiale Superbike e Supersport (due volte vice Campione) e British Superbike:

"Prima di tutto, vorrei dire un grande grazie a Paul Bird per l'opportunità di lavorare di nuovo con la sua squadra, non vedo l'ora di cominciare. Questa è la classe regina, correre in MotoGP è il sogno di tutti i piloti. So che questa sarà una stagione difficile, ma io sono certamente pronto per la sfida e impaziente di iniziare."

  • shares
  • Mail