Keeway: lo scooter City Blade e la naked RKX le novità per il 2014

Il marchio 'europeo' del gruppo cinese Qianjiang - che controlla anche Benelli - introduce due nuovi prodotti nella sua già folta gamma: scopriamoli insieme.

Per chi non lo conoscesse, il marchio Keeway è nato come 'braccio europeo' del gruppo industriale cinese Qianjiang (che controlla anche la 'nostra' Benelli) ed è presente nel vecchio continente con diversi prodotti - dai motocicli agli scooters fino ai quads - con cilindrate che variano dai 50 ai 600 cc. Visto il buon successo risconttrato dalle nostre parti, il brand ha poi preseguito la sua espansione sbarcando anche nelle America, in Africa e in Asia, e oggi è presente sui mercati di 80 nazioni.

Al recente EICMA 2013 di Milano, Keeway ha fatto naturalmente sfoggio della sua già vasta gamma di prodotti, ma al netto dei vari resylings ed upgrades dei modelli conosciuti, erano praticamente due le novità effettivamente 'nuove di zecca': lo scooter City Blade, disponibile nelle cilindrate 125 e 150 cc, e la piccola naked RKX, che debutterà con propulsori da 125, 150 e 200 cc.

Il Keeway City Blade è uno scooter biposto per aree urbane, con ruote da 14" e pensato per l'utilizzo quotidiano. Le due varianti 4T da 125 e 150 cc sviluppano rispettivamente 7 e 10 CV per una velocità massima dichiarata di 85 e 95 km/h, ed avranno un peso praticamente identico (122.5 e 123 kg). L'altezza sella è di 760 mm, il serbatoio è da 7 litri e l'impianto frenante utilizza un disco da 240 mm morso da una pinza a due pistoncini davanti e un disco da 220 dietro. Le colorazioni saranno cinque - bianco, blu, rosso, nero e grigio perlato - con varie opzioni per la tinta della sella per accontentare tutti i gusti, ma è già stato annunciato anche l'arrivo di una speciale 'limited edition' in nero, con finiture semi-opache e un taglio più sportivo.

L'altra grande novità è la Keeway RKX, piccola naked dall'impostazione sportiva disegnata con l'input di Benelli. Dal punto di vista visivo, l'influenza dello storico brand italiano è subito evidente dalla linea dei gruppi ottici e nella scelta del 'mono' montato lateralmente, un particolare che sicuramente accentua la personalità del modello nei confronti dei suoi competitors diretti sul mercato. L'RKX sarà disponibile in tre motorizzazioni: 125 cc e 150 cc 2 valvole, rispettivamente da 11.5 e 13 CV, ed il nuovo 200 cc 4 valvole da 17 CV, per cui la casa dichiara nell'ordine una velocità massima di 95, 100 e 115 km/h.

Tutte le 'versioni' avranno cerchi in alluminio da 17", sospensioni telescopiche, freni anteriori con pinza a due pistoncini e disco da 240 mm, posteriori con disco da 220 ​​mm, illuminazione posteriore a LED, serbatoio da 17 litri, peso di 133 kg e altezza sella di 790 mm. Le colorazioni saranno nero, bianco, blu, rosso e arancione, con combinazioni grafiche diverse. Seguirà una edizione limitata "Black" con finiture in nero semi-opaco ed uno stile più sportivo.

  • shares
  • Mail