Virginio Ferrari nuovo Direttore Sportivo del Team Italia nel nome di Romboni

L'ex pilota affiancherà Carlo Pernat nella gestione dei giovani talenti tricolori che disputeranno la Moto3 nella prossima stagione.

Nato nel 1952 sull'appennino parmense, Virginio Ferrari è stato uno dei piloti più amati tra la fine degli anni '70 e gli '80, quando lottava contro Kenny Roberts, Barry Sheene e Marco Lucchinelli. Dopo la recente scomparsa di Doriano Romboni, Ferrari è stato scelto dalla FMI per guidare i giovani del Team Italia in Moto3, in qualità di Direttore Sportivo, affiancando Carlo Pernat.

Una coppia di grande esperienza, che potrà "allevare" i giovani piloti Matteo Ferrari e Andrea Locatelli in sella alle loro Mahindra e accompagnarli nel non facile compito di riportare in alto il nome del motociclismo italiano, cercando di battere la concorrenza di Fenati e Bagnaia nel Team Sky-VR46, guidati dall'altro parmigiano Vitto Guareschi.

Ferrari esordì nel Motomondiale nel '75, in sella a una Paton 500, anche se la prima vittoria arrivò l'anno successivo con la Suzuki, casa alla quale rimase legato fino al '79, anno in cui si laureò vice-campione della classe regina, alle spalle di Roberts e stagione in cui ebbe un grave incidente a Le Mans. Passato in Cagiva non riuscì più a ottenere i risultati degli anni precedenti: dopo una parentesi in 250 passò alle derivate di serie e nell'87 vinse il campionato mondiale Formula TT, prima di passare alla Superbike e di ritirarsi.

Ferrari, dopo l'addio all'agonismo, è diventato un vincente e apprezzato team manager, specialmente nelle derivate, dove ha seguito piloti del calibro di Carl Fogarty, col quale ha vinto due titoli nel '94 e nel '95, in veste di Team Manager Ducati.

  • shares
  • Mail