I migliori piloti del 2013

Marc Marquez, Pol Espargaro, Tom Sykes, Tony Cairoli e tutti gli altri protagonisti della passata stagione. Le immagini di un anno da ricordare.

Marc Marquez - Campione del Mondo 2013 - Season Review

Esattamente un anno fa cantavamo le lodi di Jorge Lorenzo e Max Biaggi, mentre ora il panorama è completamente cambiato: il majorquino è sempre sulla breccia ma ha dovuto cedere lo scettro, mentre il 41enne romano ha deciso di appendere la tuta al chiodo per fare il commentatore e scrivere autobiografie. "Credette Cimabue ne la pintura di tener lo campo, ma ora ha Giotto il grido", scriveva Dante un po' di tempo fa, a indicare quanto sia mutevole e incostante la gloria e il veloce mondo del motociclismo non fa eccezione. Ieri all'apice, oggi nella polvere e viceversa.

Vediamoli tutti assieme, i protagonisti di questa lunga stagione, che ha regalato emozioni e purtroppo anche parecchi drammi, partendo ovviamente da Marc Marquez, il ragazzo prodigio di casa Honda, nuovo Campione della MotoGP e indefesso frantumatore di record.

Dodici mesi fa ben pochi avrebbero scommesso su una vittoria di un ragazzino di vent'anni, sconosciuto al grande pubblico ma che aveva già fatto molto parlare di sé, vincendo un titolo mondiale in 125 nel 2010 e uno in Moto2 nel 2012 (senza considerare che se non fosse caduto in Malesia avrebbe forse vinto anche nel 2011). Anche i beninformati e gli espertoni non pensavano che il rookie della Honda avrebbe potuto farcela, ma dopo l'impressionante striscia di vittorie a metà stagione, quando ha inanellato Germania, Stati Uniti, Indianapolis e Repubblica Ceca, l'impossibile ha preso i contorni del reale e Marquez, senza la squalifica in Australia avrebbe probabilmente chiuso prima la questione Mondiale (tributando i giusti onori al guerriero Lorenzo). Difficile pronosticare cosa aspettarsi da un ragazzo così giovane e talentuoso: molti l'hanno già impalmato a nuovo Valentino Rossi, ma la sensazione è che tra dieci anni sentiremo apostrofare i giovani con "quello è il nuovo Marquez". Indubbiamente merita l'Oscar come miglior Protagonista.

Grintoso e spettacolare in pista, nonostante si stato tacciato di scorrettezza da Lorenzo, Marquez ha avuto un merito impagabile: far divertire. Il Motomondiale non esce dalla logica del vecchio "panem et circensem" e il catalano, con i suoi traversi al limite, le pieghe col gomito a terra e i sorpassi da corsaro arrembante (ricordate l'allievo che svernicia il maestro Rossi nel cavatappi di Laguna Seca?) ha regalato emozioni vere. Fuori dalla pista re-indossa la maschera da boy scout, il bravo ragazzo che vive con mamma e papà e sistema la cameretta come un teenager qualsiasi: marketing o candore da bambino prodigio, impossibile stabilirlo, ma nel frattempo godiamoci il talento cristallino di un campione che farà grandi cose.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: