BMW R nineT 'Track Grinder' by Urban Motor

Eccellente customizzazione della recente naked tedesca ad opera del rinomato workshop berlinese.

BMW R nineT 'Track Grinder' by Urban Motor

Tra la moto lanciate negli ultimi mesi di questo 2013, la BMW R nineT è sicuramente una di quelle che ha ricevuto maggior consenso ed attenzione da parte degli appassionati. Realizzata da BMW Motorrad anche per festeggiare il proprio 90° anniversario, questa accattivante Roadster è il frutto dell'evoluzione di concept bikes precedentemente introdotte dalla casa bavarese, la 'cattiva' Lo Rider del 2008 e la splendida Concept Ninety presentata nella primavera di quest'anno.

Solo la scorsa settimana abbiamo dato notizia dell'inizio della produzione del modello nel sito produttivo di Berlino, e proprio dalla capitale tedesca arriva una delle prime customizzazioni del modello (se non la prima in assoluto) ad opera della locale Urban Motor. Per dare dimostrazione dell'adattabilità della nineT alle varie personalizzazioni, BMW infatti ha affidato dei modelli di pre-produzione ad alcuni selezionati workshops in modo da esaltarne le potenzialità, e questa intrigante 'Track Grinder' è il primo frutto di tale operazione.

Peter Dannenberg, uno dei boss di Urban Motor, aveva tra l'altro avuto la possibilità di provare la nineT in anteprima in Spagna qualche mese fa (prima del 'lancio ufficiale' e prima che qualsiasi rappresentante della stampa potesse vederla), e in quell'occasione ha avuto modo di iniziare a concepire le linee guida del lavoro che avrebbe poi portato alla nascita della 'Track Grinder'.

Il possente boxer da 1170 cc con raffreddamento aria/olio della moto originale (in grado di produrre 110 CV e 119 Nm di coppia massima) non è stato toccato, con gli interventi che sono stati mirati principalmente a modificare l'impatto visivo della moto utilizzando anche un'accattivante schema grafico a tre colori. Il serbatoio in alluminio è nuovo e confluisce armoniosamente nella carenatura della coda, anch'essa realizzata 'in-huose' e dotata di sella in pelle (creando così un netto contrasto con l'aspetto 'modulare' e 'spezzato' del modello stock). Il faro anteriore è stato rimpiazzato da una specie di targa porta-numero ovoidale 'in tinta', al di sotto del quale è stato installato un piccolo faro di 50 mm di diametro, mentre all'estremità posteriore della coda c'è un minuscolo faretto full-LED.

La strumentazione a LED rossi è fornita da Motogadget ed è completamente adattata al sistema BMW CAN-Bus, mentre altre modifiche degne di nota includono l'aggiunta di semi-manubri clip-on Gilles Tooling, le pedane Tarozzi, il sistema di scarico Supertrapp e i cerchi anneriti e abbinati a gomme GT201 prodotte da Golden Tyre.

Come prima customizzazione 'semi-ufficiale' della R nineT, la 'Track Grinder' non ci sembra aver affatto deluso le aspettative, e per questo non possiamo che restare in fervente attesa delle altre 'reinterpretazioni' del modello previste da questo speciale programma BMW Motorrad, che dovrebbero essere almeno due e potrebbero fare la propria comparsa nel giro di qualche mese.

  • shares
  • Mail