KTM presenta il "dream team" per le Supercross Series 2014

Il Red Bull KTM Factory Team schiererà nel campionato statunitense Ryan Dungey e Ken Roczen nella 450, mentre nella 250 arriva l'australiano Dean Ferris ad affiancare il francese Marvin Musquin.


Dean Ferris sbarca in America. Il ventitreenne australiano, che nella scorsa stagione ha disputato il Campionato Mondiale MX2 col team Yamaha, classificandosi al 6° posto nella classifica finale, entra a far parte del team Red Bull KTM Factory, in coppia col francese Marvin Musquin e disputerà le 250 SX West Supercross Series, seguite dal campionato americano Motocross, sempre nella classe 250, in sella alla KTM 250 SX-F.

Il pilota, che ha chiuso la scorsa stagione con un ottimo bottino di 463 punti e 4 podi conquistati, ha commentato:

"Correre negli Stati Uniti è sempre stato il mio sogno e sono molto emozionato da questa opportunità e dal pter avere come maestro Roger DeCoster e come compagni di squadra Dungey, Roczen e Musquin. Ho molto da imparare e quindi non potrei chiedere di meglio di un team esperto come questo, per il mio passaggio nel campionato americano."

Ad affiancarlo il già citato Musquin vicecampione in carica, che nel 2014 si cimenterà con la costa Est:

"Sono focalizzato al 100% sul titolo, voglio vincere. Nel 2012 sono arrivato terzo nelle West Coast Series e lo scorso anno ho lottato per il titolo fino all'ultima gara. Sono arrivato secondo e non sarò soddisfatto fin quando non vincerò il titolo."

Nella classe regina esordirà il tedesco Ken Roczen, che l'anno scorso ha dominato sulla Costa Est con la sua KTM, assieme al grande Ryan Dungey, alla terza stagione con il team austriaco e vincitore del titolo Supercross 2010:

"L'anno prossimo la competizione salirà alle stelle con così tanti piloti giovani e forti (Dungey ha 24 anni Ndr)che arriveranno nell 450. Sarà dura e tutti siamo determinati a spingere più forte. Sarà la mia terza stagione con KTM e voglio vincere un US Supercross Championship. Il mio obiettivo è vincere quante più gare possibile e salire costantemente sul podio fino a raggiungere il titolo."

  • shares
  • Mail