La segnaletica stradale elettronica sotto la minaccia virus e hacker


I pannelli stradali e autostradali che ci informano su viabilità, situazione meteo e regole della strada tramite scritte elettroniche luminose, potrebbero essere il prossimo obbiettivo degli hacker. E' la denuncia fatta dalla Fondazione Icsa, che cita un virus chiamato Rootkit Stuxnet, che oltre ad infilarsi nei sistemi di gestione delle infrastrutture potrebbe attaccare le connessioni fra smartphone e automobili, mandando in pappa la centralina.

"Le reti che gestiscono le infrastrutture dei sistemi di trasporto sono destinate a convergere verso il mondo del web, complice la pervasività di Internet e la grande diffusione di strumenti che facilitano il contatto con gli utenti sempre e ovunque (mediante hot spot Wi-Fi ad accesso libero, servizi di Internet mobile o di geolocalizzazione)", ha spiegato Marcello Pistilli, business development manager Information Security Eustema a Repubblica.it

La polpost e le istituzioni preposte a garantire la sicurezza delle reti potrebbero essere prese di mira e monitorate da pirati informatici che obbliga ad una attenta analisi della vulnerabilità di certi sistemi che garantiscono sicurezza sulle strade, ma se modificati con istinto criminale potrebbero rappresentare un grosso pericolo.

Noi siamo più esperti di Vyrus che di virus, ma non ci viene difficile pensare che un prodotto elettronico sviluppato senza particolari sistemi anti-hackeraggio sia facilmente attaccabile dagli esperti informatici con istinti criminali. Stuxnet ha già messo fuori uso decine di migliaia di sistemi di controllo Scada, e non è stato tramite la rete ma con una chiavetta USB.

Il Comitato di Coordinamento interministeriale per la sicurezza dei Trasporti e delle Infrastrutture, ha annunciato che è pronto un provvedimento per la sicurezza delle infrastrutture critiche e la loro protezione che dovrebbe essere presentato in Consiglio dei Ministri.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: