L'ultimo modo per distrarsi in strada: la ruota-TV [video]

La tecnologia audio-visiva negli utlimi anni ha certamente fatto passi da gigante, ma a volte - come in questo caso - sembra semplicemente andare nella direzione sbagliata..

L'azienda tailandese World Moto presenta 'Wheelies', un nuovo prodotto high-tech sicuramente impressionante dal punto di vista ingegneristico ma che non può che lasciarci quanto meno perplessi in termini di effettiva utilità. 'Wheelies' infatti è una speciale tecnologia in grado di trasformare le ruote di un veicolo in 'schermi' per la riproduzione di immagini.

Il prodotto ha richiesto un periodo di sviluppo di 18 mesi ed è stato lanciato lo scorso weekend in occasione del Sign Asia Expo di Bangkok, in Tailandia. Nella configurazione presentata pochi giorni fa, il prodotto consisteva in una serie di barre da 53 diodi LED e relativo circuito da posizionare su ciascuno degli otto raggi di una ruota. Al momento il progetto è in fase preliminare e può riprodurre solo filmati di 30 secondi in loop, ma l'azienda assicura che la tecnologia 'Wheelies' potrà presto riprodurre video di qualunque durata, anche in streaming, ed essere applicata a qualunque genere di cerchio o ruota (quindi non solo a 8 razze).

Vedere 'Wheelies' in azione fa sicuramente un certo effetto, e ci sembrano comunque evidenti i problemi legati alla sicurezza legati a questa idea. 'Wheelies' infatti rischia di essere un'ulteriore motivo di distrazione per i vari utenti della strada, che sicuramente non hanno bisogno di motivazioni 'extra' per distogliere la propria attenzione da ciò che gli sta davanti.

Interrogato sulle possibili applicazioni di questa idea, il CEO di World Moto Paul Giles ha risposto che il prodotto potrebbe rappresentare un nuovo modo di fare pubblicità per le piccole aziende, ma potrebbe anche rappresentare una nuova frontiera per il mondo delle customizzazioni. 'Wheelies' infatti potrebbe addirittura dare 'un volto' alla propria moto - una specie di 'Avatar' - ed essere quindi appetibile per tutti coloro che vogliano fare della propria moto un 'pezzo unico'. Il che ovviamente non ci convince granchè. Ad ogni modo, l'idea è comunque brillante e sembra poter trovare applicazione in diversi ambiti: dato che, in teoria, può essere utilizzato si qualsiasi oggetto rotante, auguriamo a 'Wheelies' il massimo successo possibile purchè se ne stia lontano dai cerchi di moto e scooters..

  • shares
  • Mail