Marc Marquez al settimo cielo: "Mi sembra ancora un sogno!"

Il neo-Campione del Mondo della MotoGP grida la sua gioia dopo il trionfo iridato: "Non me lo sarei aspettato a inizio anno, sono felicissimo!"

MotoGP Valencia 2013 - Gara e podio

L'edizione 2013 del Motomondiale rimarrà negli annali come la stagione di Marc Marquez, debuttante nella premier class con il team Honda Repsol e subito campione del mondo all'età di 20 anni e 266 giorni: è lui il più giovane iridato di sempre nella storia del massimo campionato di velocità su due ruote. L'esaltante stagione del neo Campione del Mondo della MotoGP ha avuto il suo epilogo nel GP della Comunità Valenciana di questo pomeriggio, ultimo capitolo di una stagione fantastica che lo ha visto conquistare anche 6 vittorie e 9 pole positions, l'ultima delle quali proprio a Valencia.

Dopo una partenza non brillante, Marquez ha subito acciuffato la terza piazza che era già più che sufficiente per garantirgli il trionfo finale, e da lì ha in pratica amministrato la propria posizione in funzione della classifica, senza preoccuparsi troppo di inseguire il rivale Jorge Lorenzo per contendergli la 'vittoria di tappa' e standosene saggiamente lontano dai guai. Dopo aver lasciato passare il compagno di squadra Dani Pedrosa, Marquez si è concesso la passerella finale davanti al suo pubblico chiudendo sul terzo gradino del podio.

La soddisfazione per il suo storico trionfo è quasi palpabile nelle sue dichiarazioni del dopo gara:

"E 'stata una gara davvero lunga, forse la più lunga della mia carriera! All'inizio ero molto nervoso: avevo detto il contrario, ma ad essere sincero lo ero eccome. Jorge ha fatto una buona partenza, come al solito, ed io non ero sicuro in merito a quale tattica adottare. Mi sono messo dietro Jorge e Dani, cercando di controllare la gara. Poi, verso la fine, ho deciso di non spingere perché sapevo che la mia posizione era sicura e sufficiente per vincere il campionato. E' stato un anno fantastico, mi sembra ancora un sogno! Non me lo sarei aspettato a inizio anno e sono davvero molto felice. Quindi grazie a tutto il mio team, alla mia famiglia e, naturalmente, alla Honda e a tutti i nostri sponsor. Il sostegno da parte di tutti e da parte dei miei fans in tutto il mondo è stato incredibile, e io voglio dedicare questo campionato a tutti voi!"

Le congratulazioni di rito non mancano, ma è difficile capire cosa può passare per la mente di Dani Pedrosa dopo l'ennesimo trionfo iridato di un compagno di squadra. L'altro spagnolo del team Honda Repsol era quello che, ad inizio anno, sarebbe stato il teorico sfidante di Jorge Lorenzo in chiave titolo iridato, ma alla fine a trionfare è stato il suo giovane compagno di colori appena arrivato dalla Moto2. Pedrosa oggi ha chiuso il GP al secondo posto, mentre nel Mondiale termina 3° a 34 lunghezze da Marquez:

"La gara è stata difficile all'inizio a causa dei continui sorpassi tra me e Jorge. Abbiamo combattuto al limite fino a che non sono stato spinto un po' fuori pista, con il risultato di perdere molto terreno. Più di ogni altra cosa, oggi voglio congratularmi con Marc: ha fatto un ottimo lavoro quest'anno e ha avuto una grande stagione. Dovremmo toglierci il cappello davanti a lui perché ha realizzato qualcosa di storico: vincere il titolo della MotoGP da debuttante è qualcosa di incredibile".

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: