Hayden: "Auguro al Team tutto il meglio"; Dovizioso: "Guardiamo avanti"

Il Ducati Team ha chiuso senza acuti a Valencia la sua peggior stagione in MotoGP. L'americano saluta la squadra, il forlivese già pronto per il test di domani.

MotoGP Valencia 2013 - Gara e podio

Anche il GP della Comunità Valenciana, ultimo appuntamento del Motomondiale 2013, non ha riservato soddisfazioni ai piloti del Ducati Team, che secondo un copione recitato con triste costanza in questa annata si sono ritrovati a navigare in gara a siderale distanza dagli imprendibili prototipi giapponesi. Nel suo ultimo giorno 'in servizio' sulla Desmosedici, Nicky Hayden si è tolto la soddisfazione di essere il miglior Ducatista in pista grazie al suo ottavo posto (a quasi 40" dal vincitore Jorge Lorenzo) mentre Dovizioso a lottato a lungo con Andrea Iannone prima che un problema tecnico di quest'ultimo gli lasciasse 'via libera' verso il nono posto (a oltre 53" dal primo).

Da domani Nicky Hayden tornerà ad essere un pilota Honda, e sarà tra i primi a provare una delle due RCV1000R che il colosso giapponese ha portato a Valencia per i clienti che l'hanno acquistata. Dei piloti che la utilizzeranno l'anno prossimo ci saranno solo lui e Redding (Abraham è ancora infortunato ed il team Aspar deve ancora annunciare il compagno di Hayden), ma per oggi i pensieri del 'Kentucky Kid' sono ancora tutti per Ducati:

“Non sono partito molto bene, stessa cosa che mi era già capitata in Giappone. Sono riuscito a recuperare qualche posizione, e ho concluso all’ottavo posto. Non posso certo ritenermi soddisfatto, ma è stato bello concludere primo tra le Ducati. Pensavo di poter agganciarmi a Smith dopo aver dimezzato il distacco di tre secondi, ma poi ho preso un’imbarcata uscendo all’ultima curva e ho battuto contro il cupolino. Lui ha poi aumentato il distacco e per me non cè stato più nulla da fare. Mi sento davvero emozionato. Ho passato cinque anni con un grandissimo gruppo di ragazzi, e anche se non è sempre stato facile, siamo stati una bella squadra. Auguro al Team tutto il meglio.”

Nell'attesa che la rivoluzione annunciata dall'arrivo dell'Ing. Gigi Dall'Igna possa mostrare i suoi frutti (presumibilmente tra diversi mesi), ad Andrea Dovizioso non rimane che concentrarsi sull'immediato futuro, anche se rivoluzioni tecniche alla moto - almeno per il momento - non se ne parla ancora. Il suo commento sulla gara di oggi non è comunque dei più positivi:

“Una gara abbastanza deludente e lenta per me. Non avevo feeling, questa pista mi resta difficile e non sono andato molto bene. E’ stato invece bravo Nicky. Ho fatto la gara su Iannone perché ormai Nicky era difficile da riprendere. Ottavo posto in classifica tutto sommato non è così male, ma logicamente non sono le posizioni che vogliamo ma guardiamo avanti e affrontiamo il 2014 con fiducia e grinta.”

Dietro a Dovizioso si è piazzato Michele Pirro, presente a Valencia come wild card per il Ducati Test Team e con un ritardo di circa 10 secondi dal Dovi sotto la bandiera scacchi:

“E’ stata una gara dura, oltretutto erano due mesi che non gareggiavo e 30 giri, su questa pista, sono davvero difficili. Mi dispiace solo perché ieri, cadendo, ho compromesso la posizione, e anziché partire vicino ad Andrea e Nicky, sono partito due file indietro e nei primi giri mi sono trovato in diciottesima posizione. Ho rovinato la gomma all’inizio, in bagarre con gli altri, poi ho recuperato un po’ ma gli altri erano ormai lontani. Ringrazio Ducati per queste opportunità che mi ha offerto durante la stagione e sono sicuro che faremo grandi cose nel 2014.”

Già da domani comunque si proverà a voltar pagina, iniziando i lavori in vista della stagione 2014. Per quello che può infatti considerarsi come il primo test per la nuova stagione, il Ducati Team sarà in pista con Dovizioso e con il nuovo arrivato Cal Crutchlow, la cui prima uscita 'in Rosso' coinciderà anche con il debutto ufficiale al box per l'Ing. Luigi Dall'Igna, nuovo Direttore Generale Ducati Corse. Dopo una stagione di nuovo al di sotto delle attese, Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati Motor Holding, non può che volgere immediatamente il suo sguardo al futuro:

"Con la gara di oggi chiudiamo un 2013 che, per Ducati, e stato decisamente avaro di soddisfazioni. Domani iniziamo con i primi test 2014, con una nuova struttura guidata dall'Ing Dall'Igna, al quale do un caloroso benvenuto e faccio i migliori auguri, miei personali e da parte di tutta l'azienda. Con l'occasione saluto e ringrazio Bernhard Gobmeier, che ha guidato Ducati Corse negli ultimi dieci mesi, e che oggi passa, non solo virtualmente, il testimone a Gigi. Un grazie a team e piloti, e un saluto particolare a Nicky, che da questa sera lascerà il box e la sua squadra per affrontare una nuova sfida professionale, ma che in questi anni e sempre stato un orgoglioso ambasciatore del nostro marchio in tutto il mondo. Concludo con un benvenuto a Cal che, insieme ad Andrea, saranno i nostri due portacolori, per un 2014 che vuole riscattare le amarezze sofferte nelle ultime stagioni."

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: