Con Piero in moto per l’Italia: l’arrivo a Crotone

Dopo avervi presentato il viaggio in sidecar lungo l’Italia di Piero, disabile dalla nascita, e Gian Piero non potevamo non annunciare il loro arrivo a Crotone, avvenuto il 24 ottobre come da programma. Una grande festa ha accolto i due amici che forse stanno già pensando al prossimo viaggio.

Concluso il viaggio di Piero e Gian Piero, il primo giro d’Italia in H-D sidecar effettuato da un disabile motorio

Avevamo lasciato i due viaggiatori Piero Vrenna e Gian Piero Papasodero, che vi abbiamo presentato qui su motoblog, in partenza da Mestre, dopo aver incontrato gli organizzatori del Motor Bike Expo. Da qui sono partiti alla volta di Trieste, dove sono stati accolti dal “poeta delle Harley” Vegas De Laroja e da una rappresentanza della squadra di football americano locale. Con Piero in moto per l’Italia è stata infatti supportata non solo dal mondo biker ma anche da anche da alcune squadre di football americano del circuito FIDAF, prima tra tutti quella dei Redskins di Verona, dove Gian Piero gioca da anni e allena i giovani under 19.

A Trieste sono stati ospiti del Magesta Hotel e il giorno successivo sono ripartiti per Lignano Sabbiadoro dove sono stati ricevuti anche dal sindaco della città friulana e alla sera festeggiati in uno dei locali delle città, il Bar Central Park. Come avevamo promesso a Piero nel nostro ultimo incontro a Verona abbiamo ripreso la nostra Harley Dyna Fat Bob e abbiamo raggiunto i nostri nuovi amici in quel di Vicenza, dove nella serata del 17 ottobre sono stati ospitati da Stefano e Alessandra, titolari della concessionaria H-D locale, che hanno organizzato una festa insieme ai membri dei chapter HOG di Vicenza, Padova e Mantova.

A seguito di un cambio di programma nell’itinerario, è stata annullata la tappa di Parma ma in compenso ci siamo goduti insieme a Gian Piero e Piero due giorni di riposo presso il Relais Annamaria di Pezzan d’Istrana, dove hanno incontrato anche Walter Garbillo della Anglat di Treviso. Qui, grazie all’amico Benno, titolare insieme alla moglie Carol dello splendido relais, siamo riusciti a visitare insieme a loro l’aeroporto militare di Istrana, sede del 51° Stormo.

Il giorno successivo una bella sorpresa ha caratterizzato la prima tappa di rientro verso sud, sotto forma di un invito da parte del mitico Geradro Chillico, al secolo Jerry Caronte, titolare dell’officina Custombike. Il noto customizer, famoso anche oltreoceano per le sue moto che hanno vinto numerosi contest, li ha infatti invitati presso la sua officina di Modigliana (FC).

Da qui il sidecar, dopo una riparazione d’emergenza all’impianto elettrico, operata durante la notte dai meccanici di Jerry, è ripartito il 21 ottobre alla volta di Civitanova Marche. Il dealer H-D della città marchigiana ha ospitato i due amici per una notte, e il giorno dopo sono arrivati in quel di Pescara, precisamente a Silvi Marina, dove ha sede l’officina Bikers Number One di Alessandro Gianferotti e dove hanno incontrato anche Andrea de Marinis, noto artigiano biker della zona.

Un altro intervento di manutenzione all’impianto elettrico, messo sotto sforzo dalle incredibili luminarie di cui è dotato il sidecar, e il 23 ottobre sono ripartiti per l’ultima tappa prima di Crotone, direzione Bari. Da qui in poi il viaggio in solitaria del sidecar si è trasformato in una parata alla quale hanno partecipato i membri degli Hog Chapter di Bari e i lupi di Avellino, che hanno scortato i due amici fino a Crotone, da dove erano partiti il giorno 4 e dove sono arrivati puntualmente il 24 ottobre festeggiati dall’intera città, non prima però di aver fatto tappa a Schiavonea, dove ha sede l’officina Crazy Horse Motorcycles di Cavallo Pazzo, proprietario del sidecar, che si è unito al gruppo fino al traguardo.

Nonostante gli oltre 400.000 chilometri sulle spalle, il tre ruote luminoso di Cavallo Pazzo ha portato i due a destinazione, accusando solo qualche problema elettrico, ma grazie all’aiuto delle numerose officine incontrate sulla strada, la tabella di marcia è stata rispettata e i due amici sono giunti a Crotone il 24 ottobre festeggiati dall’intera città. Davvero commoventi sono state le prime frasi di Piero al suo arrivo, dopo l’abbraccio con la mamma: “spero che questo sia l’inizio, per altri ragazzi meno fortunati di me, che possano capire che con un po’ di buona volontà si può realizzare tutto”.

Ricordiamo che dietro a questa iniziativa non ci sono associazioni o fondi ma sono l’amicizia di Gian Piero e le sue personali risorse, oltre a quelle messe a disposizione degli amici che li hanno ospitati a ogni loro tappa. Il viaggio è stato infatti reso possibile grazie anche alla catena di solidarietà partita dai dealer H-D di Avellino e Verona, cui è seguito il patrocinio di Casa H-D. La pagina facebook , che oggi conta quasi 3000 contatti, ha poi fatto il resto, coinvolgendo numerose altre concessionarie Harley, il mondo biker e quello del football americano.

Gian Piero ora ha fatto ritorno con il suo Road King a Verona, città in cui vive e lavora, ma gli impegni per lui non sono finiti. Piero infatti è stato invitato a diverse manifestazioni, tra cui Kustom Kulture, che si terrà a Cesena il 23 e 24 novembre.

Lo rivedremo poi, insieme all’amico Gian Piero, dal 24 al 26 gennaio 2014 al Motor Bike Expo di Verona e dal 21 al 25 maggio al Sirmione Harley Party. Questa bella storia di amicizia su due, anzi tre ruote, non sembra destinata a finire qui: qualcuno ha già proposto per l’anno prossimo di organizzare con Piero in moto per l’Europa… Ce la faranno?

foto | DR, LowRide, Domenico Stallone, Associazione Socioculturale Daridà

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: