Royal Enfield raddoppia la produzione


Crisi, mercato in discesa costante, campionati orfani di importanti squadre e team manager che fanno carte false pur di riuscire a correre anche una sola gara. E' lo scenario del mondo a 2 ruote in questi ultimi anni, che coinvolge tutte le grosse aziende del settore, tranne una, che alla faccia della recessione globale raddoppia la produzione.

Si tratta di Royal Enfield Motors, la casa motociclistica inglese (solamente di origine ormai) che ha motorizzato l'india e il sudest asiatico, una delle poche zone del pianeta ancora in fase di sviluppo. La proposta di espansione dovrebbe partire dall'attuale produzione di 52.000 unità, per poi passare a 70.000 nel 2011, 90.000 nel 2012 e 100.000 nel 2013.

Un impegno importante, che dovrà rivedere completamente le sedi di produzione di Chennai, per portarle al loro massimo storico: si parla soprattutto dello sviluppo di un nuovo sistema di verniciatura e decorazione (Ricordiamo che i filetti del serbatoio vengono ancora fatti a mano!). Sono previsti anche nuovi modelli.



"Royal Enfield sta per fare un grosso cambiamento per far incontrare domanda e offerta rispondendo ai bisogni e alle aspettative dei clienti
- ha commentato Kevin Mahoney, presidente di Royal Enfield USA- Il mercato americano sta rispondendo bene apprezzando i nostri modelli, il che ci rende ancora più forti. E' incoraggiante e ci rende pronti ad un mercato ancora più ampio dell'attuale"

via | Asphalt&Rubber

  • shares
  • +1
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: