Valentino Rossi: "Siamo solo a mezzo secondo dalla pole"

Il campione pesarese chiude il venerdì di Indianapolis al sesto posto, ma le sue previsioni per il weekend di gara sono improntate all'ottimismo. Lorenzo: "La clavicola è ok."

MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere

Il weekend di Indianapolis è iniziato tutto sommato abbastanza bene per i piloti del team Yamaha Factory Racing, che hanno chiuso entrambi nella seconda fila virtuale del venerdì di libere ma con distacchi piuttosto contenuti rispetto alle tre Honda che hanno chiuso in testa alla graduatoria dei tempi di ieri (nell'ordine quelle di Marquez, Pedrosa e Bradl).

Valentino Rossi ha chiuso al sesto posto, a +0.582 dal miglior crono, ma il suo lavoro si è incentrato principalmente sull'individuazione del giusto assetto per la gara di domenica, con risultati che sembrano aver soddisfatto lo stesso 'Dottore':

"Oggi ho avuto a disposizione due moto differenti per cercare di migliorare il feeling in frenata e in ingresso curva. Abbiamo fatto due diverse comparazioni, e alla fine abbiamo deciso quale strada seguire. Domani ci concentreremo su quella moto per cercare di risolvere alcuni problemi di sottosterzo e di troppa spinta sull'anteriore, in particolare in due o tre ingressi-curva che sono molto difficili."

"In generale sono abbastanza soddisfatto, non tanto della sesta posizione, ma del fatto di essere a solo mezzo secondo dalla pole, riducendo il distacco sia da Marquez che da Lorenzo. Insieme con Cal, le tre Yamaha sono tutte insieme. Ci sono cose che dobbiamo sistemare, ma domani faremo un altro passo."

MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere

Jorge Lorenzo è arrivato a Laguna Seca non sapendo bene cosa aspettarsi dalla spalla infortunata. Il pilota maiorchino, reduce da due operazioni alla clavicola sinistra in conseguenza di altrettanti incidenti (ad Assen e al Sachsenring) ha invece messo in mostra un buon stato di forma, che lo ha portato ad essere la migliore Yamaha del venerdì, a 263 millesimi dalla migliore Honda. L'analisi del Campione del MOndo a fine giornata è infatti piuttosto postitiva:

"La clavicola è ok: non è ancora al 100%, ma ci è abbastanza vicina e non mi dà troppi problemi da guidare ad un livello elevato. Siamo ancora molto lontani dal record della pista, che è ancora molto scivolosa. Rispetto allo scorso anno credo che avremo meno problemi a lottare per il podio. Qui ho vinto nel 2009, ma di solito non è facile per me. Spesso gli altri piloti Yamaha sono più veloci di me, ma finora è stato un buon inizio."

"Questa mattina le condizioni della pista erano migliori di quanto mi aspettassi e poi sono migliorate ulteriormente nel corso della giornata, così questo pomeriggio tutti i piloti hanno potuto migliorare i loro tempi sul giro. Abbiamo ancora alcuni problemi, soprattutto in frenata, ma credo che abbiamo margine per migliorare. Non abbiamo fatto molti giri nel pomeriggio, avrei voluto farne di più, ma in prima c'è stata la bandiera rossa che ci ha fatto perdere un po' di tempo, e poi alla fine ho trovato tante moto CRT ed è stato difficile riuscire a fare dei giri puliti".

MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere
MotoGP 2013 - Indianapolis - Prove Libere

  • shares
  • Mail