Ben Spies: "Il mio campionato comincia a Indianapolis"

Il texano del team Ducati Pramac Racing ha ormai recuperato dal lungo infortunio dopo speculazioni di ogni genere sul suo futuro: "Hanno anche detto che stavo per ritirarmi."

Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013

Dopo aver assistito da semplice spettatore a quasi tutta la prima parte del Mondiale MotoGP 2013, Ben Spies è ormai fisicamente pronto al 100% a riprendere il suo posto in sella alla Ducati Desmosedici GP13 del team Pramac Racing. L'ultima volta che il texano si era fatto vedere in pista risale allo scorso 31 Maggio, data del venerdì di 'libere' del GP d'Italia (quinto round della stagione), ma per arrivare all'ultimo GP disputatato da Spies quest'anno bisogna tornare addirittura al secondo round del Mondiale, quello per lui 'di casa' di Austin.

A dire il vero, sin da inizio stagione l'americano ha sofferto dei postumi dell'incidente di Sepang dello scorso Ottobre 2012, quando era ancora in forza al team ufficiale Yamaha e aveva rimediato lesioni ai legamenti della spalla destra e la frattura di una costola. Dopo l'intervento chirurgico, l'americano ha comunque 'saltato' buona parte dei test invernali, facendosi comunque trovare in griglia a inizio stagione ma lamentando sempre problemi con la spalla destra dolorante.

Spies si è fatto rivedere nel paddock al recente round di Laguna Seca, dove ha confermato a tutti che quella sarebbe stata l'ultima volta che si sarebbe fatto vedere nei panni di semplice spettatore. Durante la sua assenza se ne sono sentite un po' di tutti i colori in merito al futuro del Campione del Mondo SBK 2009, ma Spies ha recentemente fatto chiarezza su quelle che sono le sue intenzioni per il presente e per il futuro, confermando la fine del 'calvario' post-operazione.

Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013

"Bisogna seguire le indicazioni dei medici e fare esattamente quello che dicono. A Indianapolis sarò al 100%, e ormai sono pronto. Mi sento bene, è la prima volta che non sento veramente dolore, quindi non vedo l'ora di tornare in sella. L'inizio della mia stagione è a Indy."

"Quando sei infortunato in modo così grave, sei talmente a disagio che non state pensi granchè al tornare in moto. Ma più mi sentivo meglio fisicamente, più trovavo mentalmente difficile da accettare il fatto di non essere in pista, perché è lì che vuoi essere."

"Voglio tornare. Ho sentito tutte queste voci assurde che dicevano che mi sarei ritirato, che sarei tornato in Superbike, addirittura che mi sarei sposato! E' stato grandioso! Non era mia intenzione trovarmi in una situazioni così infelice per sei mesi, ma è andata così. Ora siamo vicini al rientro, ed è questa la cosa più importante. Mi sono davvero fatto il cu*o per tornare dove devo essere, ma purtroppo ci è voluto molto di più di quanto avremmo voluto."

"Indy sarà il primo fine settimana in cui non dovrò pensare a come sta la mia spalla. Sono a posto al 100% per quanto riguarda l'infortunio. Prendermi questa pausa così lunga per tornare al 100% è stata la cosa più intelligente da fare, e adesso mi sento pronto per tornare in sella e cercare di ritrovare la velocità. ho perso molto tempo, ma non sono mai stato al 100% e infatti facevo schifo a guidare. Ora posso tornare e non essere preoccupato per me stesso."

Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013
Ben Spies -  Ducati Pramac - MotoGP 2013

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: