WSBK Silverstone, pagelle. Rea (Honda) e Baz (Kawasaki) outsider vincenti. Sykes e Melandri, che delusione!

Le Pagelle del round di Silverstone del Mondiale SBK 2013.

Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare

LA CORSA: le emozioni. Voto 9. Il vecchio Silverstone regala emozioni da applausi: grazie ai piloti con la baionetta in canna e alle condizioni meteo ballerine che scompigliano le carte. Gli outsider bacchettano i big. Belle corse, ma non è tutto oro quel che luccica. La crisi c’è e pesa.
REA: il ritorno. Voto 10. Dopo oltre un anno l’inglese riporta alla vittoria la Honda (voto 9) dimostrando grinta e classe da vero campione. Un signor manico. Il passaggio in MotoGP ci sta, sperando in una stagione 2014 d’assestamento per il gran salto con la moto factory.

BAZ: la fiamma(ta). Voto 10. Il giovane lungo francese della Kawasaki (voto 10) si esalta ed esalta in condizioni di pista difficili con un trionfo doc che “sbianchetta” il ben più esperto ed autorevole Sykes. Un giovane leone di grandi prospettive.

LAVERTY: l’altalenante. Voto 8 + Un secondo e un terzo posto portano il sorriso in casa Aprilia (anche per i punti iridati di Guintoli) a dimostrazione che il pilota c’è. Questo passa oggi il convento. Poi …. fuoriclasse cercasi.

CLUZEL, DAVIES, CAMIER: gli outsider. Voto 8+ Approfittano dei big “guardinghi” e mettono le ali con corse spettacolari che, però, non portano a tutti gli stessi frutti. Meritano comunque l’applauso.

GUINTOLI: il signor ragioniere. Voto 7+ Il campione dell’Aprilia (voto 9) – con la spalla ancora non ok - si accontenta di un quarto e sesto posto, ma incrementa il bottino in classifica iridata. Il francese si accontenta per aver fatto … meno peggio di Sykes. Non esulta e non esalta, ma i mondiali si vincono (anche) così. E (anche) così si perdono.

BADOVINI: l’italiano. Voto 6+ Il pilota della “rossa” è il primo degli italiani in entrambe le gare e si mette anche dietro il ben più blasonato caposquadra spagnolo. Quanto meno ci prova. Si può fare di più?

MELANDRI: il rinunciatario. Voto 5- Il ravennate della BMW (tre motori fusi nel we, voto 5-) dopo l’exploit nel diluvio russo si … rilassa con due scialbi noni posti. Pesano più i postumi della caduta in prova o la delusione del forfait della Casa tedesca? Marco, mondiale ancora aperto o addio?

SYKES: l’irriconoscibile. Voto 4. Dopo lo “zero” di Mosca Tom perde un’altra occasione con un nuovo week end da dimenticare. Prestazione da seconda guida, impacciato nei giri con pista umida, frenato da una pressione non domata per la corsa al titolo che così si allontana. Urge svolta, altrimenti titolo addio.

CHECA: il disperso. Voto 4- L’ex iridato della Ducati (voto 5) raccoglie un decimo e un tredicesimo posto a dimostrazione che l’exploit della Superpole era … illusorio. Problemi di set-up o di … manetta? Lo spagnolo spesso tira i remi in barca. Mesto tramonto?

GIUGLIANO e FABRIZIO: i bla bla. Voto n.c. I due italiani, diversi in tutto, promettono ma non mantengono, illudono ma deludono. Invischiati sempre in vicissitudini varie. Meno chiacchiere e più fatti. Il tempo scorre!

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: