Rea si prende la Gara-1 di Silverstone: "Una delle più belle vittorie della mia carriera"

Il britannico della Honda festeggia la vittoria in Gara-1 davanti al pubblico amico: "Abbiamo un pacchetto che può lottare per il podio."


Jonathan Rea (Pata Honda World superbike) ha vinto la prima delle due gare di oggi a Silverstone, centrando la sua prima vittoria stagionale e l'undicesima in carriera, chiudendo poi il suo weekend con un con quarto in Gara-2, che è stato interrotta precocemente a causa della pioggia.

Il meteo instabile ha caratterizzato entrambe le gare: nella prima, il 26enne nordirlandese è stato bravo a trovare lo strappo decisivo quando la pioggia ha iniziato a intensificarsi attorno al 6° giro, arrivando a collezionare un comodo vantaggio attorno ai 6 secondi, nella seconda invece è partito male ma è stato autore di una grande rimonta, che avrebbe probabilmente potuto premiarlo con un altro podio se la gara fosse arrivata alla sua conclusione naturale, senza le bandiere rosse che hanno poi 'riabilitato' al secondo posto il già caduto Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki).


Queste le considerazioni di Rea a fine giornata:

"Gara-1 è stata probabilmente una delle più belle vittorie della mia carriera, perché stare davanti in quelle condizioni era abbastanza spaventoso. Sono felice per tutta la squadra e per i nostri sponsor, ma ho dovuto essere molto cauto. Ho cercato di essere anche furbo: quando ho visto che avevo un buon margine per gli ultimi giri, non ho voluto rischiare di sprecare quel vantaggio. Dopo aver tirato fuori qualcosa di speciale per la Superpole sull'asciutto, la squadra mi ha dato ancora una grande moto."

"Abbiamo fatto un cambiamento per Gara-2, e sono riuscito a risalire al quarto posto dopo essere rimasto bloccato dietro a Tom Sykes per qualche giro. Ho perso troppo tempo all'inizio, ma alla fine giravo comodo sul 2'05". Il risultato in Gara-2 è stato ok, ma possiamo iniziare la pausa estiva abbastanza contenti perchè abbiamo un pacchetto che può lottare per il podio."

Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare
Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare
Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare
Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare

Il compagno di squadra di Rea, Leon Haslam, era risalito fino al terzo posto in Gara-1, ma un'errore lo aveva poi costretto a chiudere al settimo posto. Il 30enne britannico è poi incappato in una brutta caduta in Gara-2 a due giri dalla fine, spingendo ulteriormente i commissari verso la decisione della bandiera rossa. Dopo un high-side, Haslam è atterrato pesantemente sulla gamba sinistra operata dopo l'incidente di Assen, ,a le successive radiografie hanno rivelato l'assenza di ulteriori danni per il pilota.

Queste le considerazioni di Leon Haslam dopo le due gare di Silverstone:

"E' stato un fine settimana veramente frustrante, abbiamo avuto problemi tutto il tempo fino al warm-up di questa mattina. Lì abbiamo fatto un grande passo avanti, per questo ho avuto un buon ritmo in Gara-1, ma partire dal dodicesimo posto significava comunque avere un lavoro abbastanza duro davanti. Sono riuscito a risalire fino a lottare per il podio, ma poi ho fatto qualche errore e ho perso quella chance."

"Ho avuto un pessimo inizio di Gara-2 e sono rimasto bloccato dietro a Guigliano, ma poi ho iniziato a risalire fino alla Top 10. Purtroppo poi è arrivata la pioggia, che mi ha sorpreso e mi ha fatto andare in high-side. La gamba mi fa abbstanza male, ma questa settimana devo fare un'operazione per rimuovere alcune viti. Un mese di pausa farà bene alla mia gamba, e in Germania sarò sicuramente molto più in forma. Almeno abbiamo capito che la moto funziona bene in condizioni "metà-e-matà", lo dimostra la vittoria di Johnny in Gara-1, ma stiamo facendo buoni progressi anche in condizioni di asciutto."

Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare
Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare
Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare
Superbike 2013 - Silverstone Round - Gare

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail