Max Biaggi verso il 2010: "Il cuore mi dice che lotteremo per il titolo"

Max Biaggi si confessa

2009 ricco di emozioni per Max Biaggi. Il 4 volte Campione del Mondo della 250 è diventato papà della splendida Ines ed ha conquistato il quarto posto in classifica generale nella stagione d'esordio con l'Aprilia RSV4 (1 vittoria e 8 podi).

Un 2010 che ripropone il Corsaro come uno dei pretendenti al titolo iridato. E se qualcuno avesse dei dubbi sulla sua voglia di combattere dopo 20 anni trascorsi in pista, beh, non vi anticipo altro. Leggete l'intervista rilasciata dal nostro Max a WorldSBK.com

- Qual è il suo giudizio sulla stagione 2009 sua e dell'Aprilia?
"Ottimo direi! È una moto che corre solo da quest'anno e senza aver mai partecipato a nessuna competizione prima. Il potenziale è alto, ora arriva la parte più difficile e cioè migliorarsi ulteriormente"

- Siete pronti per lottare per il titolo 2010? E se no cosa manca alla RSV4 per essere alla pari con le rivali?
"Obiettivamente il cuore mi dice di sì, ma finché non proveremo le novità 2010 è impossibile dirlo".

- Nella seconda parte della stagione ha entusiasmato con una condotta di gara poco alla... Biaggi, sempre all'attacco, a costo anche di sbagliare. A che si deve questo?
"Io non ho ancora fatto vedere il meglio di me... scherzo! So che solo andando al limite ci si accorge dei pregi e difetti sopratutto di una moto nuova. Ed è quello che ho fatto nel 2009".

- Chi saranno gli avversari principali nel 2010?
"Facile! Basta prendere la classifica finale del campionato 2009 e contare i primi 5-6 piloti, il gioco è fatto".

- E' diventato da poco padre. Più difficili battere gli avversari in pista o fare il papà?
"E' un momento magico per me questo. Fare il papà mi emoziona e vincere sarà uno stimolo in più".

- In un'intervista su un noto settimanale ha mostrato di sé un'immagine che pochi conoscevano. E' stata la nascita di Inès a spingerla a certe confidenze pubbliche?
"Beh! Va detto che abbiamo (nella foto, Max e la sua compagna, l'ex Miss Italy Eleonora Pedron) accettato di posare noi tre, soprattutto perché il compenso è stato devoluto in beneficenza a sostegno dei bambini ospiti della" Casa di Andrea" gestita dall'Associazione Andrea Tudisco Onlus".

- Avete in preventivo di allargare ulteriormente la famiglia?
"Siamo così felici di questo momento che non pensiamo ad altro".

- Molti dicono che questa potrebbe essere la sua ultima stagione: qual è il suo pensiero al riguardo?
"... molti, come spesso capita, non sanno cosa dire...".

- Fra tutti i giovani che gareggiano nella velocità chi è secondo lei il suo erede, per talento e stile di guida?
"Difficile dirlo. Credo obbiettivamente che Jorge Lorenzo sia un pilota che potenzialmente possa fare bene e spero possa vincere anche più gare di me. Ne sarei contento".

via | WorldSBK.com

  • shares
  • Mail
38 commenti Aggiorna
Ordina: