MotoGP a Losail: Stoner 10+, Hayden l'impavido

MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati

Tutto come previsto, temporale escluso ovviamente! Il GP di Losail, andato "in onda" in via del tutto eccezionale nel Lunedì dell'Angelo, ha visto trionfare il solito Casey Stoner (Marlboro Ducati) dopo una fuga cominciata allo spegnersi del semaforo rossi e terminata alla bandiera a scacchi.

Solito perché con questa affermazione l'australiano arriva a quota 3 vittorie in Qatar. Solito perché Casey dimostra di essere al momento l'unico vero avversario in pista dell'eterno Valentino Rossi.

"Sono particolarmente felice di questa vittoria perché è frutto del duro lavoro fatto da tutti i ragazzi in Ducati durante l’inverno" - ha dichiarato BaStoner - "E’ stato duro anche lavorare in questo fine settimana, con il poco tempo che avevamo a disposizione."

MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati

MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati
MotoGP: Gran Premio del Qatar - Gallery Ducati

"Un grande grazie va quindi a tutta la mia squadra che ha lavorato tanto, e bene, per tutto il fine settimana e che mi ha consentito di affrontare la gara con fiducia. Sapevamo che questa pista è impegnativa sotto il profilo dei consumi, quindi ho cercato di adattare un po’ il mio stile di guida per mantenere un buon passo e nello stesso tempo cercare di non far avvicinare Valentino, ma alla fine non ho avuto problemi. Infine c’era la questione del polso ma anche sotto quel punto di vista è andato tutto bene: Ho sicuramente bisogno di continuare ad allenarmi intensamente perché durante l’inverno non ho potuto fare il mio solito carico di lavoro ma sono sicuro che continuerò a fare progressi".

Tanta sfortuna ma anche tanta grinta hanno caratterizzato il week end dell'esordiente ducatista Nicky Hayden. Kentucky Kid, a pochi minuti dalla fine delle qualifiche ufficiali, è incappato in una brutta caduta che gli ha causato un forte trauma alla schiena ed ha richiesto tre punti di sutura per un taglio sul costato. Per lui un dodicesimo posto più che dignitoso a appena dietro lo spagnolo Dani Pedrosa.

"E’ stato un fine settimana molto impegnativo perché ci è capitato un po’ di tutto. Sicuramente un “high-side” a circa 200 chilometri orari non ha aiutato ma, in realtà, nulla è andato in maniera davvero liscia. Oggi all’inizio della gara ero molto lento: non sono nemmeno partito bene ma giro dopo giro il mio feeling è migliorato. Sono riuscito ad aumentare progressivamente il mio ritmo e gli ultimi sei giri sono stati i più veloci che ho fatto durante tutto il week-end. Sarebbe stato bello passare anche Dani ma credo che comunque tutta la squadra abbia dimostrato che anche se diverse cose ci sono andate storte, non siamo tipi da arrenderci. Speriamo che il peggio sia passato: Casey ha dimostrato il grande potenziale della moto quindi per quanto strano possa suonare, vado via dal Qatar con lo spirito alto e con la voglia di ripartire al più presto per la prossima gara".

  • shares
  • Mail
53 commenti Aggiorna
Ordina: