Il Team Beta Enduro pronto all'attacco del Mondiale con Dini, Cotton ed i fratelli Gritti

Beta punta a conquistare il Mondiale Enduro

Grande attesa per il Team Beta Enduro che quest'anno si prepara alla conquista del podio con Fabrizio Dini, i due fratelli Mirko e Giovanni Gritti ed il francese Rudy Cotton. E tanto per prepararsi al meglio a questa stagione 2009 per la Direzione Sportiva è arrivato anche l’ex campione “Chicco” Muraglia.

Personaggio che la sa lunga nell'Enduro “Chicco”, classe 1959, dal 1982 al 2000 ha collezionato moltissimi primi posti e nel corso degli anni ha vinto vari campionati (tutti nella classe 80cc) e che ora si prepara a questa nuova sfida con il massimo dell'entusiasmo.

Anche perchè ormai Beta ha fatto capire ben chiaro la voglia di tornare prepotentemente tra i leader del settore, e punta sui risultati del 2009 per raggiungere questo obiettivo.

E per farlo ha scelto un team di primo livello - forte anche del Jolly di lusso Dougie Lampkin, che sta dimostrando di essere un vero fuoriclasse anche come endurista - come ha raccontato lo stesso Muraglia:

Jarno Boano, Responsabile Tecnico di Beta, l’ha scelta come Direttore Sportivo del Team Enduro. Come pensa di organizzare il 2009?
"Il compito principale sarà quello di migliorare la gestione dei piloti in gara, in modo particolare terrò gli occhi puntati su Dini. Conosco a fondo il mondo Beta: dopo aver smesso di correre a livello mondiale ho lavorato a lungo con Jarno, per la precisione dal 1995 al 2002.Tra noi c’è un’ottima armonia e sono molto contento di tornare a lavorare con lui".

Ci fa un breve profilo dei 4 moschettieri?
"Fabrizio Dini è una persona splendida ed anche un tecnico esperto per quanto riguarda la messa a punto della moto .Puntiamo su di lui anche per lo sviluppo in progress dei mezzi. I fratelli Gritti hanno una capacità innata di stare in sella. se riescono a trovare il giusto feeling ci daranno grandi soddisfazioni.

Condivido la scelta di Jarno di riunirli sotto la stessa tenda; insieme si motiveranno a vicenda per raggiungere grandi risultati. Cotton è davvero da ammirare per l’impegno al 100% che mette in tutte le occasioni. Per questo lo supporteremo al massimo. E poi sarà il nostro riferimento per il Campionato Francese".

Che risultati spera di ottenere con questo team? Ci fa un pronostico?
"A livello di Italiano, l’obiettivo è quello di portare a casa almeno un titolo. a livello di Mondiale puntiamo su Mirko Gritti per la Junior. Per Dini prevedo una posizione tra i primi 5 nella E2 mentre per Giovanni Gritti e Cotton mi accontenterei di vederli in classifica tra i primi 10 della E3.

Chi ha maggiori changes di fare podio?
"Nel Mondiale Mirko Gritti è sicuramente il più accreditato. Nell’italiano devono farcela tutti e tre. Non scherziamo !!! E poi c’è il magico Dougie".

Appunto. Qual è il suo ruolo? Possiamo definirlo “pilota part-time di lusso”?
"Lampkin fa parte del team Beta principalmente per il Trial ma parteciperà ufficialmente a tutti gli eventi enduro extreme che possano mettere in luce le sue doti tecniche. Da questo punto di vista la stagione è già iniziata e Dougie si è messo in luce praticamente in tutte le gare disputate, dal Tough One Enduro Extreme all’Indoor Enduro World Cup di Genova e di Madrid, all’Hell’s Gate che si è svolto al Ciocco (rispettivamente con due quarti posti e due terzi posti)"

Effettivamente Lampkin è un pilota fuori dal comune. E averlo nel Team è assolutamente prestigioso. Passiamo dagli uomini alle macchine. Cosa ne pensa della RR Beta? La trova concorrenziale a livello di performance? Ha avuto occasione ultimamente di provare le versioni racing 2009?
"È una gran moto. Ritengo che non abbia nulla da invidiare alla concorrenza. L’azienda crede molto in questo progetto e ci sta investendo. Una dimostrazione sono le Racing Edition, praticamente già “pronto gara”. Ho avuto modo di provarla a lungo e la ritengo estremamente interessante per l’utente evoluto e per chi vuole cimentarsi a livello agonistico.

via | Beta Motor

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: