Jorge Lorenzo: "Sono stato troppo sicuro di me"

Dopo il brutto incidente che nel pomeriggio gli è costato la frattura della clavicola e la partecipazione al GP d'Olanda, Jorge Lorenzo racconta il suo punto di vista sulla dinamica della caduta.

MotoGP 2013 - Prove libere Assen

Il weekend del GP d'Olanda, settimo appuntamento del Motomondiale 2013, è purtroppo iniziato nel peggiore dei modi per il Campione del Mondo Jorge Lorenzo, che dopo aver confermato in mattinata il suo eccezionale stato di grazia con la sua Yamaha M1 aggiudicandosi il primo turno di libere, nel pomeriggio è incappato in una brutta caduta a oltre 200 km/h su pista bagnata che è risultata nella frattura scomposta della clavicola della spalla sinistra, infortunio che lo costringerà a saltare la gara di Assen per sottoporsi quanto prima al conseguente ed inevitabile intervento chirurgico.

Lorenzo è gia volato a Barcellona con un jet privato e andrà presto sotto i ferri dell'equipe guidata dal 'solito' Dr.Mir, ma al momento - contrariamente a quanto sostenuto dai primi reports - non è certo che l'operazione avrà luogo già domani pomeriggio: sembra infatti che Lorenzo sarà sottoposto a ulteriori accertamenti una volta giunto all'Ospedale catalano, gli esiti dei quali determineranno anche la tempistica dell'intervento.

Analizzando a qualche ora di distanza la dinamica dell'incidente che rischia di compromettere in modo irreparabile le sue chances di confermarsi Re della MotoGP, il Campione del Mondo incolpa soprattutto sè stesso:

"Penso che sono stato troppo sicuro di me: nel momento dello schianto ero molto veloce e mi sentivo molto forte, ma forse le condizioni non erano quelle perfette per avere così tanta fiducia. Mi sono inserito in curva più velocemente rispetto al giro precedente e penso di aver toccato una patch d'acqua, o forse c'è stati un po' di aquaplaning che ha 'alleggerito' la ruota posteriore e mi ha fatto toccare la linea bianca, il che ha reso tutto molto peggio: è per questo che sono caduto. Ho spiccato il volo, e quando ho toccato terra mi sono rotto la clavicola. Non ho niente contro questo circuito, è solo sfortuna oppure, come in questo caso, eccesso di confidenza. Devi essere sempre ottimista: le cose potrebbero andare anche peggio, quindi cercherò di recuperare il prima possibile".

Naturalmente amareggiato Wilco Zeelenberg, team Manager olandese di Yamaha Factory Racing:

"Ovviamente oggi non è andata nel modo in cui speravamo iniziare l'Assen TT. Fortunatamente Jorge è stato in grado di cavarsela in quello che è stato un incidente a velocità molto alta, anche se purtroppo dovrà comunque ricorrere a un intervento chirurgico. Jorge ha deciso di volare a Barcellona per la necessaria operazione, siamo sicuri che il suo recupero sarà veloce e che sarà di nuovo con noi il più presto possibile. "

Di tenore simile il commento di Massimo 'Maio' Meregalli, Team Director della scuderia dei tre diapason:

"Purtroppo le prove di Assen non sono iniziate come avremmo voluto: Jorge, dopo un incredibile prima sessione di libere, ha avuto un incidente sul bagnato nel pomeriggio e si è rotto la clavicola. Questo è un vero peccato perché arrivava da due brillanti risultati ed era alla caccia del terzo. Dobbiamo accettarlo, fa parte del nostro sport. Gli auguriamo il meglio per tornare al più presto tra noi più forte di prima."

MotoGP 2013 - Prove libere Assen
MotoGP 2013 - Prove libere Assen

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: