Dovizioso: "la Ducati laboratorio non risolverà i nostri problemi"

La nuova Desmosedici GP13 "Laboratorio" presenta miglioramenti nel telaio ma i piloti Ducati dubitano che la nuova moto possa fare la differenza.

Test IRTA MotoGP Montmelo 2013

Le considerazioni dei piloti Ducati al termine dei test MotoGP del Monmelò non sono propriamente confortanti e lo sviluppo della Desmosedici Laboratorio non avrebbe portato i risultati sperati, o perlomeno in grado di fare la differenza e colmare il gap con le giapponesi. Andrea Dovizioso ha trovato la moto molto simile alla precedente e il compagno di team Nicky Hayden è stato più veloce in sella alla versione precedente. Il forlivese ha dichiarato:

"Abbiamo fatto numerosi test, provando diversi set up con entrambe le moto e le nuove gomme. La differenza tra le moto è veramente piccola. Il nuovo telaio è migliore nell'ingresso in curva e nell'ultima parte della frenata ma in rettilineo sento dei movimenti, peggio che nella versione precedente. Comunque è molto simile, come ci aspettavamo."

La situazione in ottica mondiale del team Ducati non è certo rosea e Dovizioso è sesto in classifica generale con 59 punti, dietro alle due Honda e Yamaha ufficiali e alla Yamaha satellite di Crutchlow. Ora il pilota è indeciso sulla moto alla quale affidarsi per il prossimo GP ad Assen:

"Ora dobbiamo decidere quale moto utilizzare ad Assen. Per me non è un grande problema, perché in realtà non c'è una grande differenza. Ognuna delle due moto ha i suoi aspetti positivi, alcuni negativi. Purtroppo la moto laboratorio non risolve i nostri problemi ma lo spaevamo, poiché l'avevamo già provata nei test a Jerez e al Mugello. Quindi ad Assen la situazione sarà simile qui, comunque è una pista diversa e forse la temperatura più fredda aiuterà, ma la situazione è questa.Il nostro problema principale è di pompaggio e in curva, ma ci sono molti problemi. Alcuni grandi, altri piccoli e se li mettiamo tutti insieme alla fine del giro il gap è di un secondo e giro dopo giro diventa più grande perché dobbiamo usare l'energia per cercare di gestire la moto."

Anche Nicky Hayden ha fatto le stesse valutazioni sulla nuova moto e il pilota statunitense è andato più veloce con la versione precedente, staccando il collega di quasi 5 decimi:

"Siamo stati qui con la moto lab, ma purtroppo, siamo sempre più veloci con la versione standard. Vogliamo fare un passo in avanti e avvicinarsi ai ragazzi davanti, ma al momento, non riesco a farlo con la moto laboratorio."

Test IRTA MotoGP Montmelo 2013
Test IRTA MotoGP Montmelo 2013
Test IRTA MotoGP Montmelo 2013
Test IRTA MotoGP Montmelo 2013

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina: