Le ragazze Kawasaki sfidano Kiara Fontanesi in Slovenia

Meghan Rutledge e Steffi Laier si preparano a dare del filo da torcere alla Campionessa del Mondo nel GP di Slovenia. Livia Lancelot assente dopo l'intervento chirurgico.

Kawasaki WMX Team - Meghan Rutledge e Steffi Laier

A circa due mesi dalla grande vittoria di Chiara Fontanesi nel round di apertura in Olanda, il Campionato Mondiale Motocross femminile (WMX) torna in pista questo weekend a Orehova Vas per il GP di Slovenia, dove l'agguerrito team Kawasaki rilancerà la sfida alla fuoriclasse parmigiana della Yamaha. L'australiana Meghan Rutledge e la tedesca Steffi Laier hanno chiuso rispettivamente al secondo e quarto posto nel round di Valkenswaard (rispettivamente con due secondi e due quarti posti nelle due gare) ed il campionato è solamente alla seconda tappa, per cui sarà importante per loro cercare di recuperare terreno.

Contrariamente alle attese, non sarà invece della partita la francese Livia Lancelot, Campionessa Mondiale 2008, vittima un paio di settimane fa di una caduta e relativo infortunio in una gara del campionato nazionale francese. Per lei lesione del crociato anteriore ed intervento chirurgico al ginocchio con la stessa equipe medica di Lione che aveva operato l'altro suo ginocchio nel 2007.

Meghan Rutledge è una 'nuovo arrivata' in Europa, ma il suo talento è apparso subito cristallino: l'anno scorso ha partecipato a due eventi del Mondiale chiudendo al terzo posto nella gara finale in Germania, poi ha vinto il Supercross di Ginevra, e ora, dopo l'ottimo debutto in Olanda, l'australiana punta a migliorare ancora:

"La concorrenza in Europa è dura, ma è quello che ci vuole per fare una buona gara. Qui le ragazze sono molto competitive, e quando scendono in pista vogliono tutte la stessa cosa: essere la 'numero 1'. A Valkenswaard faceva molto freddo, ma la pista era incredibile, l'atmosfera era pazzesca e la corsa è stata fantastica. E' stata la mia prima gara della stagione, mi sono divertita moltissimo, e adesso non vedo l'ora di correre di nuovo."

Reduce da un serio infortunio alla gamba, la pluri-iridata Steffi Laier si dice soddisfatta di quanto fatto nel primo GP della stagione, ma l'obiettivo è ora quello di provare a salire sul podio:

"L'obiettivo di Valkenswaard era fare più punti possibile. Sono potuta risalire in moto solo a metà febbraio e in Olanda ero lontana dalla mia normale forma fisica, ma nonostante le cattive condizioni e la temperatura non ho avuto troppi problemi alla gamba. Ho finito al 4° posto assoluto: non è stato un brutto inizio per il Campionato del Mondo. Ho deciso di tornare nel Mondiale WMX per cercare di conquistare quanti più podi possibile: certamente sarebbe un sogno diventare di nuovo campionessa del mondo, ma dopo il mio infortunio non voglio pormi degli obiettivi troppo alti."

Kawasaki WMX Team - Meghan Rutledge e Steffi Laier
Kawasaki WMX Team - Meghan Rutledge e Steffi Laier
Kawasaki WMX Team - Meghan Rutledge e Steffi Laier
Kawasaki WMX Team - Meghan Rutledge e Steffi Laier
Kawasaki WMX Team - Meghan Rutledge e Steffi Laier

  • shares
  • Mail