Rossi: "Le Mans pista ottima per me e la M1"

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo affilano le armi in vista del GP di Francia, quarta prova del Motomondiale 2013. Le M1 in pista con un logo 'omaggio' al compianto Jean Claude Olivier.

MotoGP 2013 - Jerez - Qualifiche

I piloti del team Yamaha Factory Racing si affacciano al GP di Francia in condizioni differenti ma con il medesimo obietivo obbligato, il podio, naturalmente sul gradino più alto possibile. Nei precedenti tre rounds del Mondiale 2013, Jorge Lorenzo non ha mai mancato questo obiettivo, passando dalla vittoria sotto i riflettori del Qatar ai due terzi posti consecutivi di Austin e Jerez, quest'ultimo con tanto di spallata finale da parte dell''impertinente' Marc Marqez (Honda Repsol) proprio alla curva a lui intitolata poche ora prima.

Per Valentino Rossi invece la situazione è invece un pò più complicata: dopo l'ottima rimonta nel round di apertura a Losail che gli aveva fruttato un incoraggiante secondo posto alle spalle del compagno di squadra, il pesarese è poi incappato in un brutto sesto posto nel GP delle Americhe (a 10 secondi dalla M1 clienti di Cal Crutchlow, quarto al traguardo) e in un anonimo quarto posto in Spagna, dove non ha dato l'impressione di poter tenere il passo dei tre spagnoli sui rimanenti protipi factory giapponesi.

Il pluri-iridato campione di Tavullia inoltre non è ancora riuscito a centrare un piazzamento in prima fila in qualifica (7° in Qatar, 8° in Texas, 5° in Spagna), ed è quindi normale pensare che inizi ad esserci un po' di pressione, anche perchè in classifica sono già 18 le lunghezze di svantaggio dal leader Marc Marquez dopo soli 3 rounds, e 14 da Lorenzo. Alla vigilia del GP di Francia, Valentino Rossi è pienamente concentrato sulla corsa, su una pista dove in carriera ha conquistato tre vittorie nella classe regina e che gli è stata 'amica' anche nel travagliato biennio in Ducati:

"Le Mans è un'ottima pista per me, anche perché negli ultimi due anni sono stato capace di arrivare sul podio sia in condizioni di asciutto che in condizioni di bagnato. Speriamo di fare lo stesso o anche meglio con la Yamaha, perché questa è una buona pista per la M1. A Le Mans il meteo sarà molto importante perché, di solito, non è granchè: potrebbe essere freddo e umido, quindi vedremo. Dovremo lavorare bene come sempre, cercando di capire le condizioni del meteo e della pista. Proveremo a fare il massimo, come al solito".

MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - Qualifiche
MotoGP 2013 - Jerez - Qualifiche

Jorge Lorenzo ha vinto tre degli ultimi quattro GP di Francia (oltre a un successo ai tempi della 250), e nelle sue tradizionali dicharazioni pre-gara lo spagnolo non fa mistero di covare una grande voglia di rivincita dopo lo 'smacco' subito a Jerez:

"Le Mans è una pista speciale e molto diversa da Jerez, non vedo l'ora di correrci. Io ci arrivo con un sacco di motivazioni in più dopo i risultati Jerez: forse ci aspettavamo di meglio, ma comunque abbiamo faticato molto di più del previsto per l'estremo caldo in pista. Fortunatamente siamo riusciti a lavorare tanto nella giornata di test successiva, risolvendo alcuni piccoli problemi: quella sessione ci ha aiutato a capire quali erano stati i nostri problemi principali della Domenica."

"Ho sempre fatto degli ottimi risultati a Le Mans, ho dei bei ricordi. Lo scorso anno ho ottenuto una grande vittoria sul bagnato con un grande distacco su tutti gli altri: avevo fatto una gara perfetta, senza fare un solo errore e in condizioni terribili. Ho vinto molte volte in Francia e penso che sia una pista davvero buona per me e per la Yamaha M1 ".

MotoGP 2013 - Jerez - Qualifiche
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - prove libere
MotoGP 2013 - Jerez - Qualifiche
MotoGP 2013 - Jerez - Qualifiche
MotoGP 2013 - Jerez - Qualifiche

In occasione del GP di Francia, le Yamaha YZR-M1 di Lorenzo e Rossi avranno un logo speciale in omaggio a una vera e popria leggenda Yamaha, Jean Claude Olivier, scomparso tragicamente all'inizio di quest'anno in un incidente stradale all'età di 68 anni.

Conosciuto da tutti come 'JCO', Olivier era un'icona per la casa dei tre diapason, per la quale ha lavorato per 45 anni fino al suo pensionamento nel 2010, iniziando prima come pilota alla Dakar nel periodo 1979-1989 (arrivando secondo nel 1985) per poi diventarepresidente di Yamaha Motor France. Fu proprio lui a portare Max Biaggi in Yamaha a fine anni 90.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: