Anteprima Roehr 1250sc: sportiva americana dal DNA Europeo

Roehr Motorcycles 1250sc

6 Maggio 2008. Potrebbe essere una data come tante altre, invece è quella che segna l'arrivo di un nuovo, e parrebbe ancora più deciso, "attacco" da parte delle moto americane allo stra competitivo settore delle supersportive. A guidarlo c'è la Roehr Motorcycles LLC che, come recita il comunicato stampa, è onorata di presentare la versione pre produzione della Roehr 1250sc.

Che come mostrano le immagini è una sportiva senza troppi compromessi - e dalle linee che ricordano vagamente il progetto Mondial. E chi di sicuro di compromessi non ha voluti è il motore, che è sì il "solito" bicilindrico di orgine H-D, ma che per l'occasione ha subito una cura a suon di ormoni che ha portato in dota un compressore volumetrico e circa 180 scalpitanti cavalli che la rendono la supersportiva più potente mai costruita in America!

Ma attenzione perchè pare non trattasi del solito prodotto Yankee artigianale e dalla tecnica lacunosa: alla Roehr hanno deciso infatti di cercare il meglio, ed ai muscoli americani hanno messo un corpo dalla tecnologia europea: Ohlins, Marchesini, Brembo, Akropovic and Pirelli del resto sono marchi di garanzia, e l'azienda USA ha attinto da loro a mani basse.

Roehr Motorcycles 1250sc
Roehr Motorcycles 1250sc
Roehr Motorcycles 1250sc
Roehr Motorcycles 1250sc

Tutti particolari di primo livello quindi, che sono stati combinati con l'esclusivo telaio Roehr Bi-Metal, che dovrebbe garantire un comportamento da vera Superbike alla moto americana. Ed il peso di 192.78kg a secco è di sicuro un ottimo risultato considerando il pesante motore Harley.

La moto sarà costruita a mano tutta negli USA (orgogliosamente come specificato dall'azienda) e sarà disponibile in tiratura limitata a cominciare da questo autunno. Il prezzo finale non è ancora stato deciso, ma la sensazione è che non sarà propriamente economica.

La speranza invece è che possa essere una valida alternativa a chi non ama essere omologato ma, al tempo stesso, non vuole riunciare alle massime prestazioni. E come al solito qualsiasi verdetto lo lasciamo all'unico, vero ed insostituibile, giudice per questo tipo di moto: la pista!

Per maggiori informazioni visitate il sito del produttore americano Roehr Motorcycles.

Ringraziamo Tor Sagen, editor di Raptors&Rockets per la segnalazione.

  • shares
  • Mail
46 commenti Aggiorna
Ordina: