Team Gresini: "ora vogliamo la svolta"

Il Team Gresini va all'attacco

L'atmosfera è quella già calda da moto nei box che si scaldano, ma prima di dare il via ufficiale al Gran Premio della Cina della stagione 2008 della MotoGP - che arriva dopo uno stop di tre settimane dal Gran Premio del Portogallo - c'è ancora il tempo di sentire la voce di una di quelle squadre che quest'anno è tornata nella categoria "allievi", ma che in fondo rimane un capo saldo della GP.

Ovviamente parliamo del San Carlo Team Gresini, che a Shangai ha un appuntamento molto importante, che oltretutto sarà seguito da un vero e proprio tour de force che li vedrà impegnati in cinque Gran Premi in poco più di un mese. La tappa cinese rappresenterà infatti un interessante antipasto della parte più "calda" del calendario, quella europea, con i GP di Francia, Italia, Catalogna, Gran Bretagna e Olanda compressi in soli quaranta giorni.

Anche per questo motivo sarà molto importante uscire da Shanghai con un buon risultato, per affrontare la fase cruciale del campionato con il morale alto, e lo sanno molto bene sia il nostro Alex De Angelis che Shinya Nakano.

I due arrivano ben rinfrancati dagli ottimi test di gomme svolti a Estoril dopo il Gran Premio del Portogallo, e Shanghai potrebbe essere il punto di svolta per la loro stagione. Alex poi ha carica da vendere, dopo che la brutta tonsillite lo aveva rallentato a Estoril:

"Shanghai non sarà una pista facile: c'è un lungo rettilineo, e a noi al momento manca un po' di potenza, come si è visto dalle velocità massime degli ultimi Gran Premi. In ogni caso, a parte questo, le Bridgestone sono sempre andate molto bene in Cina, per cui siamo molto fiduciosi sotto questo punto di vista, a maggior ragione dopo i buoni test svolti in Portogallo.

Quella cinese, inoltre, è una gara a rischio pioggia: considerato che nel warm-up di Estoril, col bagnato, abbiamo ottenuto il secondo tempo, dovessimo incontrare una situazione del genere possiamo sicuramente dire la nostra. Fisicamente sto molto bene, ho recuperato al cento per cento dopo l'influenza patita in Portogallo: mi sono allenato tantissimo, sono pronto a dare il massimo. L'obiettivo è entrare nella top ten".

Obbiettivo che insieme il sammarinese condivide con Nakano: "All'Estoril, dopo il Gran Premio, abbiamo provato alcuni pneumatici Bridgestone posteriori, trovando una buona costruzione e una buona mescola: combinando assieme questi due fattori, credo che a Shanghai potremo essere molto competitivi.

Il circuito è molto divertente: la sua caratteristica principale è rappresentata da un rettilineo lunghissimo, seguito da un tornantino stretto e lentissimo, un punto sicuramente difficile da interpretare. L'anno scorso, al primo giro, un altro pilota non è riuscito a fermare la moto e mi ha tamponato proprio in quel punto, facendomi cadere: l'obiettivo per quest'anno è innanzitutto finire il primo giro e vedere la bandiera a scacchi, perché non ho un gran bel ricordo di quanto accaduto!

A parte gli scherzi, il circuito mi piace: l'anno scorso feci delle belle qualifiche. Nelle prime tre gare di questa stagione non sono ancora riuscito ad essere incisivo in qualifica, ma credo che a Shanghai potrò esserlo: sarà molto importante per seguire da vicino il gruppo di testa sin dalla partenza".

via | Team San Carlo Gresini

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: