Le verità di Max Biaggi

Max Biaggi Team Sterilgarda Go ElevenAd una settimana dall'inizio del Campionato del Mondo Superbike, Max Biaggi si gode la tranquillità del principato monegasco per trascorrere un po' di tempo con la sua Eleonora.

A dispetto di quanto si è scritto di recente su alcuni giornali, la relazione tra i due va a gonfie vele ed il matrimonio...

Nell'intervista riportata sul Corriere dello Sport di venerdì scorso che potete ascoltare anche su GPone, possiamo apprezzare un Max rilassato, disponibile, ma mai scontato nelle risposte. Gustatevela tutta d'un fiato, non ve ne pentirete.

D: Ciao Max. Il Campionato è ormai al via e mai come quest'anno hai effettuato così pochi test.
R: "E' vero, ho provato ad inizio gennaio dopo 3 mesi di inattività. In Australia abbiamo impiegato i soliti 2 giorni per regolare la moto ma devo dire che mi sono trovato subito bene con la bicilindrica. E' stato amore a prima vista ma è meglio aspettare la gara per confermare queste impressioni.

Purtroppo non c'è stato molto tempo per girare nelle migliori condizioni. In Qatar, l'altra settimana, abbiamo dovuto fare il rodaggio del motore in pista perché il team non ha il banco prova.

La sabbia presente sul tracciato nel primo giorno era tanta e nel secondo non abbiamo potuto fare molto. Sono anche caduto probabilmente a causa di una gomma fallata."

D: Credi che ci sia la possibilità di bissare a Losail il successo dello scorso anno?
R: "Ce la metterò tutta. Se guardiamo agli ultimi test, i tempi sul giro non sono stati eccezionali. Per questo non posso essere troppo ottimista, ma le gare ti riservano spesso tante sorprese anche in positivo. A volte basta trovare il giusto setting la domenica mattina per capovolgere la situazione."

D: Quest'anno corri con un team privato, possiamo definirti un outsider?
R: "E' vero, ma mi ritengo un top rider e quindi in un modo o nell'altro riuscirò a farmi spazio tra i favoriti. Abbiamo chiesto di scendere in pista in Qatar insieme al team ufficiale ma non accettato, probabilmente per non darci alcun tipo di vantaggio.

Ho letto molte cose non vere in proposito sui giornali. Comunque si tratta di una cosa della quale si occupa il mio Team Manager, penso ad altro."

D: Non hai ancora provato le gomme 2008.
R: "Al momento no. Inoltre saranno due gomme nuove a Losail rispetto a quanto è stato provato. Ma questo è una procedura normale per la Superbike. Io penso a guidare. Mi piace la Ducati, sono motivato e farò di tutto per far bene."

D: Credi che i protagonisti saranno gli stessi dello scorso anno, ad esclusione di James Toseland che è passato in MotoGP?
R: "Non dovrebbero esserci grosse novità. I primi 5/6 dello scorso anno vinceranno la maggior parte delle gare e uno di loro sicuramente il campionato."

D: Consideri Troy Bayliss un compagno di marca o il primo avversario per quest'anno?
R: "Lo considero un compagno di marca che sicuramente farà di tutto per riscattarsi e riconquistare il titolo."

D: Test di Jerez, MotoGP. Segui ancora con interesse la classe regina?
R: "Penso più che altro al campionato al quale partecipo. Sarà un anno con molti punti interrogativi. Sicuramente se la giocheranno Stoner e Rossi, in quanto per le prime gare Pedrosa non potrà essere al top a causa dell'infortunio alla mano. Hayden è un gradino sotto questi tre."

D: Qualche giorno fa il Direttore dell'Agenzia delle Entrate di Pesaro ha invitato gli atleti italiano residenti all'estero a far ritorno in Italia. Cosa ne pensi?
R: "Quando ho saputo della vicenda Rossi sono stato solidale con lui. A differenza di un attore, di un presentatore o di un cantante, la carriera di un pilota è limitata nel tempo e bisogna cercare di gestirsi per farla fruttare al meglio.

Sedici anni fa, decidendo di venire a vivere a Montecarlo, rinunciai a quelle cose alle quali forse Rossi non ha volute rinunciare: la famiglia, gli amici, la mia città. Qui ho trovato una dimensione diversa nella quale poter lavorare e alla fine sono contento di aver fatto questa scelta."

D: Da italiano a italiano un messaggio, un augurio a Valentino Rossi in vista dei Test di Jerez:
R: "Gli auguro di ritrovare lo smalto di un paio di anni fa quando andava veramente forte."

D: Valentino ha detto di voler correre altri 4 anni, e tu?
R: "Non credo che sia una gara a chi si ritira più tardi, anche perché sarei fortemente svantaggiato vista l'età. Finché avrò voglia di sacrificarmi e di andare in moto, continuerò a correre in Superbike. Non escludo di poterlo fare per altri 4 o 5 anni, chissà..."

D: E dopo, il matrimonio?
R: "Come?!?"

Risate generali, Eleonora compresa!

via | GPone

  • shares
  • Mail
59 commenti Aggiorna
Ordina: