All’asta una Pierce del 1911

Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America

Se cercate una moto “usata” con soli 102 anni sulle spalle, originale al 100% (pneumatici esclusi)… l’avete trovata! Questa Pierce a quattro cilindri del 1911 è in perfetto stato di conservazione, è marciante e pare ne esistano solo una dozzina al mondo. Verrà messa all’asta il prossimo 20 aprile durante la 22a edizione dell’Annual Antique & Classic Bicycle Auction che si terrà a Copake, NY.

Nel 1896 George Pierce iniziò a costruire biciclette sotto l’insegna della George N. Pierce Company; nel 1901 fu la volta delle automobili Pierce-Arrow, di cui la più nota fu la Motorette, e solo nel 1907 l’azienda Americana entrò nel settore motociclistico, a opera del figlio di George, Percy, che fondò la Pierce Cycle Company e iniziò la produzione di motocicli a Buffalo. Nel 1909 venne presentata durante il New York Show al Madison Square Garden la “Vibrationless Motorcycle”, una quattro cilindri da 700 cc con 4 HP di potenza, 200 libbre (circa 90 kg) di peso, trasmissione ad albero e tre tipi diversi di finiture: nickel, nero o rosso.

Nel 1910 vennero aggiunti un cambio a due rapporti con frizione multidisco e una forcella pneumatica, la potenza salì a 7 HP, mentre il peso si attestava sulle 275 libbre (circa 125 kg). Grazie a una velocità massima di 60 miglia orarie (96 km/h), questa moto vinse diverse gare di durata, che all’epoca si svolgevano tra due città.

Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America

Venduta al prezzo per l’epoca proibitivo di 325 dollari, che in breve tempo, nel 1913, divennero 400, era non solo la moto più cara sul mercato, ma il prezzo si avvicinava pericolosamente a quello della Ford Model T, che costava 525 dollari. Questo contribuì al veloce fallimento dell’azienda, che avvenne nel 1914. La moto all’asta è perfettamente originale, il telaio misura 3.54 pollici di diametro (90 mm), con la parte anteriore che funge da serbatoio dell’olio e quella posteriore per il carburante.

A proposito della lubrificazione, il sistema pare davvero innovativo per i tempi, grazie a una pompa di lubrificazione forzata che riduceva gli sprechi e consentiva di percorrere con un pieno d’olio più di 3000 km e prevedeva i controlli ogni 400 miglia (640 km). I freni erano su entrambe le ruote da 28 pollici, altra caratteristica rara all’epoca, mentre il motore poteva essere smontato in pochi minuti.

La moto al momento è custodita presso il Buffalo Pedaling History Museum, dove è rimasta per quasi 90 anni, senza mai essere toccata. C’è anche il set di attrezzi con tanto di manometro per gomme personalizzato. Sconosciuta al momento la base d’asta, ma durante l’asta verranno battute una serie di 200 biciclette e 400 memorabilia del periodo 1850-1950.

Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America
Una Pierce quattro cilindri del 1911 andrà all’asta il prossimo 20 aprile in America

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: