ISDE 2007: Italia al comando

Salvini

Il Cile si tinge d’azzurro nella terza giornata di gara, dopo il terzo posto del day 1 e il secondo del day 2, I piloti della Maglia Azzurra Scudo mettono dietro tutti nel trofeo rifilando 32’’ alla Finlandia e 1’45’’ ai cugini francesi.
L’Italia, recuperando secondi preziosi, guadagna il secondo posto in classifica generale a 46 secondi dai Finlandesi. La giuria ha inflitto 1 minuto di penalità al finlandese Remes che alla fine del giorno 2 ha messo la moto nel parco chiuso senza sottoporla ai controlli fonometrici.

Brutte notizie invece per il trofeo junior in cui Thomas Oldrati, neo campione d’italia della classe 125 2t, si è ritirato nella penultima speciale, del day 2, per problemi meccanici alla moto e Mirko Gritti, in uscita dall’ultima speciale ha avuto problemi con l’accensione e ha dovuto spingere fino al paddock e lì cambiare l’avviamento.
Con il ritiro di Oldrati e il ritardo di Gritti la strada della squadra junior verso la vittoria finale si fa molto difficlie, causa i 22 minuti di ritardo e l’undicesiama posizione

I risultati di classe oggi dicono che Micheluz, su terreni duri, è stato il migliore dei piloti italiani finendo secondo nella E1 con Salvini quinto (complice qualche caduta nella linea). Nella E2 hanno fatto molto bene Belometti (terzo) e Dini (quarto) finendo dietro Aubert e Ljunggren. Regolare e preciso come sempre Botturi che ha chiuso terzo nella E3 dietro Kaselli e Tarkkala con Belotti sesto. Ricordiamo che l’assenza di Simone Albergoni è dovuta a un inforortunio alla schiena


Isde 2007 azzurri

La possibile squalifica di Juha Salminen, sorpreso a farsi aiutare nello spingere la moto dal pubblico all’interno della ultima speciale, è stata confermata dalla Giuria Internazionale dopo aver verificato i rapporti degli ufficiali di percorso. La squalifica di Salminen estromette quindi la Finlandia dalla corsa per la conquista del Trofeo.

La nuova classifica vede sempre la Maglia Azzurra Scudo al primo posto seguita dalla Francia a 3 minuti e 20 secondi. Al terzo posto sale la Svezia che ha un ritardo di 12 minuti e 34 secondi.

Sul sito della F.M.I. trovate la classifica aggiornata.

Articolo scritto da Andrea di Terni

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: