Suzuki contatta Davide Brivio per il team MotoGP

Negli ultimi mesi sono uscite diverse notizie riguardanti il ritorno di Suzuki in MotoGP, la maggior parte delle quali riguardanti i negoziati in corso tra Dorna e la casa di Hamamatsu per stabilire le modalità del rientro del costruttore giapponese nella classe regina del Motomondiale: da una parte Suzuki che non vorrebbe impegnarsi a lungo termine nell'attesa di conoscere l'effettiva competitività della propria moto, dall'altra Carmelo Ezpeleta che non sembra disponibile a concedere al costruttore giapponese di usufruire della visibilità della MotoGP come se fosse un 'albergo a ore'.

Solo una manciata di giorni fa il numero uno di Dorna aveva inoltre dichiarato che l'eventuale rientro in MotoGP di Suzuki potrebbe avvenire solo tramite l'acquisto di uno dei team già iscritti al Campionato oppure attraverso un accordo di fornitura a questi ultimi (in modo da mantenere 'stabile' il numero degli iscritti nella classe maggiore del Motomondiale), il che avrebbe suggerito il team Aspar come principale 'indiziato' anche in virtù del ruolo del francese Randy De Puniet come collaudatore per il 2013 del prototipo della prossima GSV-R (attività che svolgerà congiuntamente a quella di pilota della CRT del team spagnolo in MotoGP).

Alla luce dello scenario dipinto dalle ultime esternazioni di 'Don Carmelo', è arrivata un pò a sorpresa nelle ultime ore la notizia che Suzuki ha contattato l'ex team manager Yamaha Davide Brivio per un ruolo nel proprio progetto MotoGP, un ruolo che - visto lo spessore del personaggio in questione - non può che essere per una posizione di grande responsabilità. Non usiamo il condizionale perchè non si tratta di un'indiscrezione: è stato lo stesso Brivio a darne conferma sul proprio account Twitter.

Il tweet pubblicato da Brivio sul noto social network conferma l'avvenuto contatto con gli emissari della casa giapponese, ma l'ex Team Manager brianzolo sembra voler puntualizzare come al momento nulla sia stato messo 'nero su bianco', sottolineando inoltre che non sarebbe l'unico candidato per il lavoro che Suzuki gli avrebbe proposto:

Questa precisazione di Brivio comunque chiarisce che l'accordo con la casa nipponica è quindi ben lungi dall'essere completato, e le 'altre parti' coinvolte nei negoziati Suzuki dovrebbero essere proprio il già citato team spagnolo Aspar e - secondo alcuni siti web britannici - anche il team inglese Crescent di Paul Denning, che attualmente è il team di punta Suzuki nel Mondiale SBK. Denning infatti è stato team manager del team Suzuki in MotoGP dal 2005 (anno in cui prese il posto di Gary Taylor) al 2011 (anno dell'ultima 'uscita' di Suzuki dal Motomondiale), e questo lo renderebbe un'altro dei possibili candidati a guidare il 'grande ritorno' di Suzuki in MotoGP.

Dopo aver portato Valentino Rossi in Yamaha nel 2004 ed i numerosi successi della prima 'era Rossi' in sella alla M1, Brivio aveva lasciato la casa dei 3 diapason a fine 2010 per seguire il pesarese in Ducati, senza ricoprire un ruolo ufficiale all'interno di Ducati Corse ma diventando di fatto manager personale del 9 volte iridato. Formalmente Brivio è al momento impegnato con la VR46, l'azienda di gadgets e merchandise di Valentino Rossi, ma alcune fonti riferirebbero che Brivio avrebbe già individuato in Brianza la futura location del team Suzuki MotoGP, che la squadra adotterebbe quindi come base operativa per il 2013 e che sarebbe già stata visionata anche da alcuni rappresentanti Suzuki. Non ci rimane che rimanere in attesa di ulteriori conferme..

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: