CIV 2013: la parola ai protagonisti

Velini test Imola - CIV 2012

Nonostante la partenza per la British Superbike del sue volte campione italiano Matteo Baiocco, il Campionato Italiano Velocità non è certo a corto di piloti di talento, pronti a dare lustro all'imminente stagione 2013 declinata nelle sue varie categorie.

Il più agguerrito sembra essere Alessio Velini, 33enne di Petrignano d’Assisi, pronto per la sua prima stagione in Superbike dopo l'accorpamento con la Stock 1000. Da alcuni anni "Veleno" viene considerato un eterno secondo, un eterno vice-campione e il pilota umbro, in sella alla Kawasaki del Team Orbassano, è deciso a dimostrare di che pasta è fatto:

"Voglio sfatare questo tabù e credo che per farlo non ci sia niente di meglio che cambiare squadra, moto e classe. Il cambio di categoria era obbligato. ma squadra e moto diverse le ho volute fortemente. Correrò per il Team Orbassano, fatto di tecnici giovani ma già seri, molto validi ed affamati di vittoria e salirò in sella alla Kawasaki. Il perché di questa scelta? E’ una moto che mi ha sempre incuriosito, soprattutto in questi ultimi anni, e dopo aver parlato con tanti altri piloti amici che l’avevano già guidata ho sciolto gli ultimi dubbi”

Velini test Imola - CIV 2012
Velini test Imola - CIV 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012

Uno degli avversari più agguerriti che Velini si troverà contro a partire dalla gara di Imola (17 marzo), sarà il veterano Lorenzo Mauri, 35enne comasco, amante del motard e che ha corso con ottimi risultati anche nel mondiale Endurance che nel 2012 si era ritrovato appiedato e quindi voglioso di riscatto e risultati per la prossima stagione in sella alla Ducati 1098.

“Abbiamo ingaggiato un nuovo telemetrista e altri tecnici di valore e in più quest’anno correrò con la Ducati 1098 R, mai provata prima. E’ una moto complicata a livello di regolazioni e gestione ma l’ho voluta fortemente e sono contento della scelta. Ora non ci resta che aspettare i primi test per continuare il lavoro in pista... Mi dispiace che non ci sia Monza, pista a cui sono particolarmente legato ma sono contento della novità delle tappe doppie e della cancellazione della giornata del giovedì. Oltre a ridurre i costi, questa scelta permette di avvicinare il CIV al Mondiale.”

Non si arrende Luca Conforti, che dopo aver subito un infortunio nel 2011 e ceduto il passo nel 2012 al compagno di squadra Matteo Baiocco, torna alla carica e vuole aggiudicarsi il titolo a tutti costi, anche se al momento il 37enne si trova senza una guida:

"Correrò finché non riuscirò a conquistare questo benedetto titolo italiano Superbike… anche fino a 80 anni, se dovesse servire, perché ormai per me è diventata una sfida personale...In tanti anni di corse non mi sono mai ritrovato a passare il Natale senza avere certezze e questo un po' mi preoccupa ma penso di aver dimostrato tante volte di potermela giocare fino in fondo e quindi ho molta fiducia. Squadre? Si sono fatti sentire in tanti ma per ora non ho firmato."

Passiamo dalla Superbike alla Supersport, dove troviamo il campione 2012 Ilario Dionisi carico come una molla e determinato a "vincerle tutte" con la sua nuova Honda CBR 600RR della Scuderia Improve, moto che ha lasciato estasiato il 29enne pilota romano:

“In foto non ero riuscito ad apprezzarla appieno ma quando l’ho vista ho capito che Honda aveva fatto l’ennesima moto all’altezza – spiega Ilario – a livello tecnico non è molto differente dalla precedente mentre molto è cambiato dal punto di vista estetico. E’ molto aggressiva e sportiva, quindi adatta alla mia indole. Spero di riuscire a portarla ancora una volta alla vittoria...”

Sempre a proposito di Supersport ecco cosa ne pensa il "neo-pensionato" Cristiano Migliorati, che spinge i giovani a puntare su questa categoria e non solo sulla Moto2:

"E' ancora una grande categoria, assolutamente formativa e caratterizzata dall'utilizzo di moto di serie, impegnative da mettere a punto. Se solo si pensa alla scelta della mescola delle gomme, al lavoro che si deve fare ogni week-end sui rapporti del cambio e alle regolazioni delle sospensioni si può dire senza dubbi che con la Supersport si impara tanto"

Terminiamo questa carrellata di grandi piloti con Alessio Corradi: il "Folletto di Langhirano", veterano di ben 3 Tourist Trophy, è pronto a combattere, anche se al momento non è ancora sicuro ne del team ne della moto, nonostante l'ottima stagione 2012:

“Dopo la vittoria del Mugello mi sarebbe piaciuto riconfermarmi al top per giocarmi il tricolore all’ultimo appuntamento e con due quarti posti nelle successive tappe stavo tenendo una buona media ma poi è arrivato il quinto round, sempre in Toscana: mi sentivo bene e la gara stava andando nel migliore dei modi... quando sono scivolato ho capito subito che sarebbe stata dura vincere il titolo ma ho comunque dato il meglio di me fino alla fine della stagione. Lo dimostra il secondo posto centrato al sesto round di Misano... Con Nuova M2 Racing Team e Aprilia mi sono trovato molto bene, tanto che il ricordo più bello della stagione scorsa è stato proprio il momento in cui sono sceso per la prima volta in pista con la moto italiana. In questo momento stiamo lavorando per la conferma e siamo molto vicini...”

CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012
CIV - Vallelunga 2012

  • shares
  • Mail